Presidenza Rai, nomina di Foa bocciata dalla Vigilanza
Presidenza Rai, nomina di Foa bocciata dalla Vigilanza
Prima Pagina

Presidenza Rai, nomina di Foa bocciata dalla Vigilanza

Rai, bocciata la nomina di Marcello Foa
Rai, bocciata la nomina di Marcello Foa

Dei 40 presenti alla votazione, 22 hanno espresso parere favorevole e uno si è astenuto. Pd: "Bloccato il colpo di mano di Salvini e Di Maio".

La commissione di Vigilanza ha bocciato la nomina di Marcello Foa come nuovo presidente della Rai: 40 votanti e 22 giudizi favorevoli, a cui si aggiunge una scheda bianca. Ma per ottenere la carica sono necessari 27 voti, corrispondenti ai due terzi della commissione. I rappresentanti del Partito democratico, di Forza Italia e di Liberi e Uguali erano presenti al voto ma hanno scelto di non partecipare, a eccezione di Alberto Barachini (Fi) in quanto presidente di commissione. È sua la scheda bianca, secondo quanto dichiarato da Federico Fornaro, capogruppo LeU in commissione. Assente un parlamentare pentastellato. Ora Foa, escluso dalla presidenza Rai, potrà comunque ricevere l’incarico di presidente provvisorio del CdA in quando consigliere anziano.

Le reazioni dei politici

Maurizio Gasparri, ex ministro delle Comunicazioni ed esponente di Forza Italia, ha chiesto che il metodo di nomina del presidente Rai venga sottoposto a una serie di modifiche. In ogni caso, aggiunge, Foa non può ricevere l’incarico in quanto bocciato dalla Vigilanza.

Dure le critiche di Forza Italia, in particolar modo alla Lega, per non aver consultato l’alleato all’opposizione sulla nomina. Critiche al metodo anche da parte di Andrea Marcucci, capogruppo Pd al Senato. Marcucci esulta su Twitter perché il “colpo di mano di Salvini e Di Maio” è fallito: i viceministri volevano imporre “un amico di Putin alla guida della Rai” ma non ci sono riusciti. Ora è necessario un presidente di garanzia.

Gianluigi Paragone, capogruppo del M5S nella commissione di Vigilanza, ha definito la bocciatura di Foa la prova dell’esistenza di patto del Nazareno tra Pd e Fi per il mondo della televisione. “Mi auguro che Foa non si dimetta”, ha aggiunto.

Le promesse di Foa

Poche ore prima del voto della Vigilanza, Marcello Foa ha ringraziato il CdA per la fiducia e ha esposto il proprio programma su Facebook. Il candidato si è impegnato a “garantire l’autonomia dei giornalisti per un’informazione di servizio pubblico che sia autorevole, indipendente e autenticamente pluralista”. La Rai è una “risorsa per il Paese”, continua il giornalista, e deve essere difesa dalle “logiche della partitocrazia”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 415 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.