×

Prima della Scala 2021, sei minuti di applausi per Mattarella: è l’ultima del suo mandato

Lungo omaggio al Presidente Mattarella alla Prima della Scala 2021, la sua ultima da prima carica dello Stato: sei i minuti di applausi per lui.

prima della scala 2021

È stato un caloroso saluto quello che tutto il Teatro alla Scala di Milano ha voluto dare a Sergio Mattarella, presente alla Prima della Scala 2021 per l’ultima volta in qualità di Presidente della Repubblica. I presenti si sono alzati in piedi e hanno applaudito la prima carica dello Stato per oltre sei minuti per poi ascoltare l’esecuzione dell’inno nazionale.

Prima della Scala 2021: standing ovation per Mattarella

Il Capo dello Stato è arrivato a teatro insieme alla figlia Laura per assistere alla rappresentazione del Macbeth di Verdi diretta dal maestro Riccardo Chailly. Dopo l’accoglienza da parte del sovrintendente Dominique Meyer, del sindaco Beppe Sala, del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana e del prefetto Renato Saccone, ha preso il suo posto nel palco reale insieme alla Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Si tratta della terza volta che Mattarella assiste all’evento del 7 dicembre da Presidente: il debutto era stato nel 2018 per l’Attilà di Giuseppe Verdi mentre l’anno successivo aveva assistito alla Tosca di Giacomo Puccini.

Prima della Scala 2021: i saluti a Mattarella

Sono tante le personalità che hanno reso omaggio a Mattarella, a partire dal sindaco di Milano Beppe Sala che ha ricordato come sia venuto a Milano più di 20 volte.

Credo che sia un record che dimostra l’affezione del presidente verso la nostra città. È stato un grandissimo presidente da tutti i punti di vista per le decisioni che ha preso e per la sua umanità“, ha aggiunto.

Anche il governatore Lombardo Attilio Fontana ha espresso la sua gratitudine al Capo dello Stato: “Dobbiamo dirgli grazie. Ha dimostrato la sua vicinanza a Milano e alla Lombardia e gli va riconosciuto“.

Prima della Scala 2021: proteste fuori dal teatro

Prima dell’avvio della rappresentazione ha avuto luogo una protesta fuori dal teatro in piazza della Scala. Alcuni centri sociali hanno sparato diversi fuochi artificiali in concomitanza dell’arrivo di personalità autorevoli e vip.
Un gruppo di antagonisti del Cantiere ha srotolato davanti a Palazzo Marino, dal lato opposto della piazza, gli striscioni con diversi slogan tra cui “Cancellare i brevetti. No profit on pandemic”, “Tax the rich“, “Recovery planet” e “Non siamo clandestini/e, siamo nuovi cittadini/e“.

Contents.media
Ultima ora