×

Primo weekend di libertà: cosa si può fare?

Questo è il primo weekend di libertà dopo le riaperture del 26 marzo. Ecco tutte le regole e ciò che si può fare nelle varie zone.

Weekend

Dopo mesi di restrizioni è arrivato il primo weekend di libertà, con meno restrizioni nelle 15 regioni in zona gialla. Arrivato il pass verde per gli spostamenti, hanno riaperto cinema, teatri e musei e i tavolini all’aperto sono già sold out. 

Primo weekend di libertà: dal green pass alle riaperture

Il primo weekend di libertà è finalmente arrivato, in modo particolare nelle zone gialle. Nonostatne il meteo non sia particolarmente favorevole, le persone si sono preparate per fare qualcosa di diverso dopo mesi di restrizioni. Tra le varie regioni gialle ci si potrà spostare senza limiti, mentre per entrare e uscire dalle zone arancioni e rosse serve il green pass, per dimostrare di essere stati vaccinati, di essere guariti dal Covid o aver fatto il tampone nelle 48 ore precedenti.

I musei, i cinema e i teatri hanno riaperto al pubblico, su prenotazione. A Roma riaprono le Terme di Caracalla, la Villa di Livia e l’Arco di Malborghetto. Ci saranno molti più controlli nei parchi e sul lungomare e saranno in funzione anche i sensori per segnalare gli assembramenti. In spiaggia gli stabilimenti saranno ancora chiusi, ma da Ostia a Fregene si potrà andare con il proprio telo, mantenendo le distanze. 

Primo weekend di libertà: limiti per le spiagge e chiusure locali

A Palermo, nonostante il passaggio in arancione, niente sole e abbronzatura. Fino a domenica è stato disposto il divieto di stazionamento sulle spiagge e all’interno del Parco della Favorita. Anche a Napoli verranno chiuse le vie che portano al mare. Fino al 2 maggio è in vigore l’ordinanza del sindaco De Magistris con cui si permette alle forze dell’ordine di interdire le strade di accesso alle spaggia in caso di assembramenti. A Firenze è scattato il piano anti movida, non si può stazionare a piedi e consumare alcolici in strada. Il comune di Milano ha deciso l’apertura straordinaria delle mostre di Palazzo reale, Pac e Mudec. In Piemonte il governatore ha firmato l’ordinanza che chiude i supermercati nella giornata del 1 maggio. La chiusura vale per i grandi market con una superficie superiore a 1.500 metri quadri nei comuni con 10 mila abitanti e 2.500 metri quadri nei comuni con più di 10 mila abitanti. In Toscana i supermercati e i centri commerciali chiuderanno dalle 13 in poi per ridurre il rischio di assembramenti. Potranno essere effettuate consegne a domicilio di generi alimentari e beni di prima necessità. 

Primo weekend di libertà: tavoli sold out e zone arancioni e rosse

I tavolini all’aperto sono già sold out in città e sui litorali. Non si rinuncia alla gita fuori porta, dove permesso dal meteo. In Campania sono stati implementati i collegamenti marittimi con Ischia e Procida. Hotel e ristoranti iniziano ad aprire e tutti i tavolini all’aperto sono già sold out. In Costiera amalfitana saranno organizzate manifestazioni all’aperto, nel rispetto delle norme. In Emilia Romagna le spiagge sono aperte e ci sono timori per l’assalto ai ristoranti. La Sardegna dovrà ancora aspettare per avere un po’ di libertà, dopo la terza settimana in rossa. Anche Valle d’Aosta, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia sono in attesa. 

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora