Promessa e Scommessa tutta Bolognese - Notizie.it
Promessa e Scommessa tutta Bolognese
Bologna

Promessa e Scommessa tutta Bolognese

vista collinare del santuario
“Se si avvera vado a San Luca a piedi”!!! L’itinerario, piuttosto particolare vuole mettere in luce uno degli aspetti, insieme alle Due Torri, più caratteristici di Bologna: i portici. Con una lunghezza totale di circa 40 km rendono la città unica. In particolare, poi, Bologna vanta anche il porticato più lungo del mondo: è quello che collega senza interruzioni Porta Saragozza al Santuario della Madonna di San Luca.
il portico di San Luca
Costruito negli anni che vanno dal 1674 al 1739, è lungo circa 3,75 km ed è costituito da 666 archi, ciascuno contrassegnato da un numero progressivo: i primi 306, in pianura, collegano Porta Saragozza al Melocello mentre i restanti 360 sono situati nel tratto collinare che va dal Meloncello al colle della Guardia. Questi ultimi sono intervallati da 15 cappellette che illustrano il mistero del rosario. Oggi vogliamo percorrere questo porticato nella sua interezza.

La difficoltà dell’ultimo tratto di portico che collega il Meloncello alla Basilica di San Luca, ha portato alla creazione di una strana forma di voto, promessa o scommessa tutta bolognese e che può essere sintetizzata nella formula: “Se si avvera vado a San Luca a piedi”. Valida per tutte le stagioni, questa frase suona il più delle volte come una sentenza in quanto, avverandosi, costringe i camminatori improvvisati all’immane fatica della salita.

Ma guai a non rispettare la promessa pena una sfortuna (o, alla bolognese, una sfiga) immane…
La cosa particolare è che, nel corso della processione di discesa o d’ascesa, immancabilmente piove; è da qui che è nata l’usanza del voto bolognese del “se si avvera vado a San Luca a piedi”.

Mi dà sempre una bellissima sensazione percorrere questo porticato. Mi incammino da Porta Saragozza. Nel tratto in pianura passo accanto a luoghi che trasudano di bolognesità: Villa Spada, Villa delle Rose, il Teatro delle Celebrazioni, la mitica videoteca Balboni, che da anni è sinonimo di cinema d’essay. Arrivo quindi al Meloncello e inizio la salita. La fatica è compensata dalla bellezza del porticato, anche se purtruppo non tenuto benissimo, dagli squarci panoramici, che mi permettono di osservare Bologna dall’alto, e dall’affievolirsi del rumore del traffico. E poi non mi corre dietro nessuno e quindi ogni tanto mi fermo per riposarmi.

Gli scalini sono terribili soprattutto il tratto finale ripidissimo dove una grande croce ti guarda. Finalmente arrivo in cima al colle e, dopo una sosta all’esterno, mi prendo un po’ di tempo per visitare il santuario. Quindi, tranquillamente, ridiscendo, tornando verso il centro, e pensando che, se si vuole conoscere Bologna, si deve per forza fare questo percorso.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Apple iPhone 6s Plus 32GB Grigio - Grey
439 €
Compra ora
Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Diadora Cyclette Lilly Rigenerata
79.95 €
173 € -54 %
Compra ora
Prozis Corehr - Smartband Con Cardiofrequenzimetro
24.99 €
41.67 € -40 %
Compra ora