Psoriasi guttata: cause, sintomi e cura
Psoriasi guttata: cause, sintomi e cura
Salute

Psoriasi guttata: cause, sintomi e cura

psoriasi guttata
psoriasi guttata

La psoriasi guttata è una malattia della pelle che si manifesta solitamente nell'infanzia ma che può essere curata con vari farmaci e rimedi. Scopriamoli insieme.

La psoriasi guttata è una patologia infiammatoria della pelle che si manifesta in età pediatrica. Di solito colpisce i bambini a partire dalla prima infanzia e fino all’adolescenza ma può presentarsi anche in età più avanzata. Svariate sono le cause che possono portare all’insorgere della psoriasi guttata. Quasi sempre essa è dovuta a un disordine del sistema immunitario. Continuate a leggere per sapere di più su questa malattia: cause, sintomi, cure e rimedi. Rivolgetevi al vostro medico o dermatologo di fiducia per un consulto.

Psoriasi

Pur non essendo contagiosa, la psoriasi è una malattia della pelle molto diffusa tra persone di differenti fasce di età. Comunemente si manifesta con la presenza di placche sulla pelle e papule di dimensioni differenti a secondo della gravità della malattia. Tra i sintomi più comuni ci sono l’irritazione della pelle, il rossore e il prurito. Esistono varie forme di questa malattia. C’è la psoriasi a chiazze, inversa, eritrodermica, pustolosa e guttata.

Psoriasi guttata

Di seguito ci occuperemo principalmente dell’ultima tipologia di psoriasi, quella guttata.

Come abbiamo detto in precedenza, questa forma di psoriasi è quella che colpisce maggiormente bambini e ragazzi. Continuate a leggere per saperne di più sui sintomi, le cause e i rimedi per questa fastidiosissima patologia.

Cause

La psoriasi guttata in genere si manifesta dopo aver contratto un’infezione da streptococco. Questo tipo di infezione interessa l’apparato respiratorio e può dare origine a una faringite, a un’infiammazione delle tonsille o semplicemente a un raffreddore. Anche in periodi di forte stress e tensione emotiva, magari dovuti a un trauma, se l’organismo è particolarmente debilitato e se gli anticorpi sono presenti in quantità ridotte, la psoriasi guttata trova terreno fertile per svilupparsi.

Come si manifesta

La psoriasi guttata si manifesta con piccole macchie rossastre a forma di goccia. All’inizio le macchie sono molto piccole ma poi possono ingrandirsi fino a raggiungere i 2 centimetri di diametro. Le chiazze presentano delle lesioni squamose in superficie che provocano un fastidioso prurito.

La pelle interessata dalla psoriasi guttata è infiammata e sgretolata. Le zone del corpo più colpite sono il busto, le braccia, le gambe, il cuoio capelluto e la cute. Fortunatamente essa si manifesta molto raramente sul viso.

Possibilità di guarigione

La psoriasi guttata, a differenza delle altre forme che si cronicizzano e dalle quali dunque non è possibile una completa guarigione, può scomparire del tutto grazie a varie terapie che la medicina attuale pone a disposizione delle persone affette. È però importante che la situazione sia posta sotto il costante controllo di un dermatologo per individuare subito il trattamento giusto. Non sono esclusi casi in cui la psoriasi guttata vada vai da sola in poche settimane senza necessità di seguire alcuna cura. In caso di recidive, la dermatite appare di nuovo in periodi diversi, ma ogni volta in forma più lieve, fino alla totale remissione della malattia.

Cure e terapie

Se l’agente scatenante è lo streptococco, i medici prescrivono degli antibiotici appartenenti alle categorie di eritromicina, penicillina e rifampicina.

Tra i farmaci più utilizzati per la cura della psoriasi guttata vi sono anche pomate e unguenti a uso topico. Tali prodotti sono a base di corticosteroidei, ovvero di ormoni in grado di eliminare l’infiammazione, il rossore e il prurito. Un altro valido trattamento per attenuare le lesioni cutanee è la fototerapia che consiste nell’esposizione a raggi UV creati da appositi macchinari. I cicli vanno ripetuti periodicamente fino alla guarigione totale. Anche l’assunzione di vitamina D3 aiuta molto nella cura di questa fastidiosissima malattia. Vi ricordiamo infine che è necessario bere tanta acqua per idratare la pelle e migliorarne l’aspetto. Rivolgetevi a un dermatologo o al vostro medico di fiducia prima di intraprendere qualunque cura.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Leggi anche