> > Pusher scarcerato perché cieco e in sedia a rotelle, ma in realtà è un fal...

Pusher scarcerato perché cieco e in sedia a rotelle, ma in realtà è un falso invalido

Prigione

Viene scarcerato perché non poteva più vedere ne camminare, ma si scopre che è un falso invalido. Il pusher ora è latitante

Il pusher scarcerato si è scoperto essere un falso invalido.

Una truffa ingegnosa che ha convinto il giudice, l’avvocato del detenuto e gli agenti di polizia penitenziaria. Il criminale è stato avvistato in un ristorante di Livorno.

Pusher scarcerato perché cieco e in sedia a rotelle, ma in realtà è un falso invalido

Doveva scontare 11 anni di galera presso il carcere di Genova Marassi, ma adesso è a piede libero per la sua recitazione impeccabile che ha convinto tutti a scarcerarlo.

Protagonista di questa vicenda è un detenuto 40enne di Monza che è stato arrestato per spaccio di droga ed associazione a delinquere. Il criminale era stato tra i principali indiziati dell’omicidio di una prostituta nigeriana.

Perchè il 40enne di Monza era stato arrestato e come è riuscito a farsi scarcerare

Il curriculum criminale del 40enne lombardo è completo, ma adesso si corre il rischio che il delinquente possa tornare ad esercitare le sue attività illegali.

L’uomo è stato rilasciato in quanto, a seguito di alcune complicanze avrebbe perso la vista e l’uso delle gambe. Il detenuto aveva una malattia psichiatrica che avrebbe tramutato il dolore da mentale a fisico. La sua parte l’ha recitata alla perfezione, al punto tale da convincere un giudice intrasigente e diffidente a firmare le carte per il suo rilascio.

L’incontro con un poliziotto in un ristorante e la latitanza

L’avvistamento dell’evaso, perchè così si potrebbe definire, è stato fatto da un agente della polizia penitenziaria che era nello stesso ristorante del 40enne, a Livorno. Sorpreso, l’agente ha notato che il delinquente stava tranquillamente camminando tra i tavoli e leggeva il menù. Niente male per un uomo in sedia a rotelle e cieco. Avvertiti i suoi superiori, è stato disposto subito un mandato di arresto, ma il truffatore lombardo è riuscito a scappare ed ora è latitante.