Qual è la trama visiva di pittura reale di una "Notte stellata?" | Notizie.it
Qual è la trama visiva di pittura reale di una “Notte stellata?”
Lifestyle

Qual è la trama visiva di pittura reale di una “Notte stellata?”

Van Gogh “Campo di grano con corvi” mostra una struttura simile a “Notte stellata”.
Texture descrive come un oggetto si sente al tatto. Dipinti ad olio creati prima metà del 19 ° secolo, tendevano a implicare struttura attraverso l’uso della linea, il colore e ombra, mentre la pittura stessa si trovano senza problemi sulla tela. Ottocentesca pittori come Vincent Van Gogh, però, ha cambiato il concetto di texture in pittura, applicando il colore in spessi, grandi linee. “Starry Night” è un esempio di questo stile di lavoro strutturato pennello.

“Notte stellata sul Rodano” (1888)
Mentre vive e lavora a Arles nel 1888, Van Gogh dipinse la sua prima “Notte stellata” pittura. Chiamato “Notte stellata sul Rodano”, questo dipinto allude alla ruvida pennellate a venire, ma è soprattutto una pittura più tradizionalmente spazzolato. La superficie attuale del quadro è liscia e ben integrato. Le immagini, però, suggeriscono la struttura di una superficie d’acqua increspata sotto un cielo scintillante di stelle.

Il modo in cui la texture dell’acqua e riflette la luce delle stelle siano resi in questo dipinto solo accennare alla più elaborata, il lavoro pennello molto granulosa a venire.

L’influenza di Paul Gauguin
Il lavoro di Van Gogh ad Arles è stato influenzato da Paul Gauguin, che ha creato i suoi dipinti a memoria. Van Gogh iniziò a sperimentare con questo processo, incorporando pennellate spesse e le applicazioni in grassetto di colore. Come risultato, il suo lavoro ha assunto un aspetto fantastico, e notò fu in grado di esprimere la sua turbolenza emotiva nella sua arte. La tessitura dei dipinti che emerse in questo periodo tardo Van Gogh di lavoro, ha rivelato turbinii spesso di vernice che si trovava lontano dalla superficie del quadro, imitando i vortici dipinta come parte dell’immagine del quadro. In questo momento, Van Gogh entrò in una fase della pittura in cui la consistenza del colore sulla tela riflette la consistenza dell’immagine rappresentata nel dipinto. Ciò sarebbe un quadro di Van Gogh stile della firma, uno stile notoriamente impiegato in “Notte stellata”.

“Starry Night” (1889)
Gli anni 1888 e 1889, sono stati fondamentali per Van Gogh. La sua salute mentale è diventata più tesa. Ha viaggiato in un istituto a Saint-Rémy per farsi curare. Lì, dipinse alcune delle sue opere più memorabili, tra cui la “Notte stellata” del 1889. La trama delle pennellate audaci e cerchi ondeggianti e piomba rendere le immagini sembrano vibrare sulla tela. La texture qui è visivamente lo scopo di fornire allo spettatore un senso di movimento e di luce vibrante, esagerando lo scintillio delle stelle sproporzionato realistico. Per quanto riguarda la consistenza reale sulla tela, ogni turbolenza e swoop di vernice è rappresentato dalla stessa pennellata, creando una texture visiva in perfetta sincronia con la consistenza reale del dipinto.

Legacy of “Notte stellata” in seguito lavoro
Questo matrimonio di tessitura percepita e reale nei dipinti di Van Gogh continua come parte della sua tecnica e stile fino alla sua morte nel 1890. Alcune delle sue opere più famose sono in ritardo “Campo di grano con corvi”. In questo, forse, la sua pittura finale, Van Gogh usa il suo pennello per creare gli steli di grano reale sul campo ei corvi che volano nel cielo. Le pennellate sono così spesse ognuna di queste immagini sono identiche a vista e tatto.

Per saperne di più: Qual è la trama visiva e texture reali in “Notte stellata?” | EHow.com http://www.ehow.com/info_10013392_visual-texture-actual-texture-starry-night.html # ixzz1XjSJBrfO

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Y Not? Borsa Donna a Tracolla Y NOT J-331 Champs Elysees
51.6 €
86 € -40 %
Compra ora