×

Qual è l’origine dei gatti senza pelo?

I gatti Sfinge, noti come gatti senza pelo, sono il risultato di una ricerca durata decenni che ha prodotto una razza dalle caratteristiche uniche.

default featured image 3 1200x900 768x576
origin hairless cats 800x800

I gatti senza pelo attirano senza dubbio l’attenzione per le loro caratteristiche uniche. Molte persone, tuttavia, non sanno che tutti i gatti senza pelo appartengono ad una specifica razza di gatto, chiamato Sfinge. I gatti Sfinge (o Sphynx) hanno un aspetto completamente privo dei peli tipici delle altre razze, ma molti hanno comunque un sottile strato di morbida, soffice pelliccia che al tatto appare come increspata. La razza Sphynx è stata raggiunta grazie all’impegno dagli allevatori che hanno lavorato per più di 30 anni con rari casi di gattini nati senza pelo, fino a creare i sani e forti gatti Sfinge di oggi.

Vediamo insieme la storia di questa razza così particolare, oggi diffusa in tutto il mondo.

Caratteristiche dei gatti senza pelo

Quando si tratta di gatti senza pelo non ci sono mezze misure: o li odi o li ami. Gli appassionati di questa razza apprezzano soprattutto le caratteristiche estetiche, cioè la mancanza del pelo e le rugosità della pelle che lo rendono inconfondibile. Il colore può essere uniforme oppure pezzato e la tonalità può variare da esemplare a esemplare.

La testa ha una forma molto elegante grazie agli zigomi sporgenti, la coda è affusolata e le zampe hanno le estremità particolarmente sottili e aggraziate.

Anche il carattere, tuttavia, è un punto di forza di questa specie: i gatti senza pelo sono molto teneri e affettuosi e sono perfetti per la vita in famiglia, in cui sono molto attivi e partecipi. La mancanza della pelliccia, infine, li rende ideali per chi è allergico al pelo dei gatti; non sono, invece, adatti a chi è allergico alle proteine della saliva dei gatti. Insomma, i motivi per scegliere questa razza così insolita possono essere non solo estetici ma anche caratteriali e di salute.

I tipi di manto

Il particolare manto dei gatti senza pelo, dovuto a una modifica genetica, può essere di vari tipi in base alla sensazione tattile che si prova accarezzando il gatto: il manto può essere di tipo rubber, peach o wax e apparirà rispettivamente simile alla gomma, a una pesca o alla cera. In ogni caso la pulizia della pelle di un gatto Sfinge risulta fondamentale, così come la protezione dal sole, che potrebbe scottare facilmente questa pelle così esposta e delicata. Passiamo adesso a narrare la storia dei gatti nudi, che ha inizio agli albori del XX secolo.

Le origini note

All’inizio del 1900 un libro sui gatti citò un allevatore del New Mexico che possedeva un paio di gatti senza pelo di nome Nellie e Dick. Questi primi esemplari di gatti sono stati chiamati Hairless messicani (hairless significa appunto “senza peli”) e si ritiene che le loro origini siano da ricercare nella zona vicino ad Albuquerque, dove i nativi americani molto probabilmente li hanno scoperti e li vendevano proprio a causa del loro inconfondibile manto. La razza Sfinge moderna, però, non è discesa dal gatto messicano senza pelo, ma dal lavoro di alcuni allevatori molti decenni dopo. Seguiamo quindi la storia dei gatti senza pelo da questi primi esemplari messicani fino alla nascita della razza Sfinge vera e propria.

Lo sviluppo nel 20° secolo

Dopo i primi casi noti all’inizio del Novecento, nella seconda metà del 20° secolo sempre più esemplari di gatti senza pelo sono stati trovati in tutto il mondo. Sappiamo che un gatto siamese in Francia ha dato alla luce cuccioli senza peli intorno al 1950, ma gli allevatori non riuscirono a riprodurre nelle generazioni successive la disfunzione del pelo e questi gatti rimasero quindi ancora una volta dei casi isolati dovuti a una mutazione genetica non replicabile. Gattini senza peli sono nati anche in Marocco, Australia, Nord Carolina e Canada, ma ancora una volta non sono legati direttamente alla razza Sfinge di oggi.

Minnesota Hairless e Canadian Hairless

Nel 1975 un gatto di una fattoria del Minnesota ha dato alla luce un gatto senza pelo e un altro l’anno seguente. Questi cuccioli sono stati venduti ad un allevatore dell’Oregon, che finalmente è riuscito a sviluppare con successo la razza senza pelo replicandone esattamente le caratteristiche. Per raggiungere questo obiettivo alcuni gatti glabri sono stati incrociati con altri tipi di gatti per fortificare il patrimonio genetico della varietà senza pelo. Furono proprio i discendenti dei gattini Minnesota glabro, quindi, a fornire le prime basi per la nascita della razza Sfinge moderna.

Un ultimo passo, tuttavia, è stato quello decisivo per approdare ai gatti senza pelo moderni, una razza sana, robusta ed estremamente elegante. Nel 1978 tre gattini senza peli sono stati trovati in un vicolo a Toronto, in Canada. L’allevatore che li ha trovati ne ha inviati due a un altro allevatore specializzato nei Paesi Bassi, che ha accoppiato i gattini con altri gatti e sviluppato con successo una razza senza pelo. Tutti i gatti Sfinge di oggi sono i discendenti di entrambi i gatti senza peli canadesi o di quelli del Minnesota e quindi risalgono alle categorie dei Minnesota Hairless o dei Canadian Hairless.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora