Giglio bianco: storia e significati attribuiti nelle diverse epoche
Qual è il significato del giglio bianco?
Cultura

Qual è il significato del giglio bianco?

Esemplare di giglio bianco
Esemplare di Lilium candidus

Il giglio bianco è un fiore bellissimo. Durante le diverse epoche gli sono stati attribuiti diversi significati. Dai tempi degli antichi greci a oggi.

I fiori sono sempre stati ricollegati a idee e simboli di ogni specie. Nelle poesie sono spesso il regalo dei poeti innamorati alle proprie donne irraggiungibili e salvifiche. Il giglio bianco è forse uno dei fiori più belli che si possano avere in regalo. Infatti ha un significato bellissimo e radici molto profonde.

Giglio bianco

I fiori sono sempre stati associati a dei simboli. Per esempio nella letteratura e anche nelle tradizioni religiose. I gigli sono dei fiori bellissimi, molto conosciuti e apprezzati da chi si ferma per guardarli. Il nome scientifico è Lilium candidum ed è membro della famiglia delle liliacee e del genere lilium. Ha 6 petali e 6 stami, di colore bianco con del giallo alla base di ogni fiore. La provenienza della specie non è certa, ma si pensa che venga dai Balcani e dal Medio Oriente.

Alcune scritture e documenti, testimoniano il suo utilizzo anche nell’antichità. Ne sarebbe stata ritrovata una rappresentazione addirittura in una caverna a Creta, risalente al 1540 a.C., e viene descritto già dagli antichi greci.

Questi pensavano che fosse un fiore sacro, poiché bianco e quindi nato dal latte della dea Era. In seguito alla scoperta degli incroci tra le varie specie di piante, il giglio, ha cambiato spesso colore. Oltre al bianco oggi può presentare il rosa, il rosso e il giallo.

Significato comune del giglio bianco

Alle diverse specie di gigli. la tradizione popolare e i miti hanno attribuiti diversi significati. Generalmente il giglio bianco viene collegato alla purezza, al candore e alla verginità. Bisogna dire però che nel tempo il valore simbolico attribuito a questo fiore è cambiato spesso.

Il giglio ha una particolarità. Infatti il suo stelo è alto e forte, capace di spezzarsi ma non di piegarsi. Quando si dice a una persona che ha queste caratteristiche vuol dire che è nobile, forte, coraggiosa. In passato molte casate hanno infatti scelto il giglio come stemma e veniva regalato a coloro che avevano origini nobili.

Spesso erano i vassalli a regalarli ai propri signori, come simbolo della loro sottomissione. Allo stesso modo gli uomini li donavano alle proprie spose per dire loro che erano i loro servi d’amore.

Significato religioso del giglio bianco

Il significato religioso di questo fiore è la purezza e la castità. Viene generalmente attribuito alla Madonna, il simbolo della purezza nella tradizione cattolica. Inoltre nella Bibbia viene raccontato di come Maria scelse come suo sposo proprio Giuseppe perché lo fide cogliere un fiore: un giglio bianco. Nelle rappresentazioni religiose spesso San Giuseppe viene dipinto insieme a Gesù Bambino e un giglio bianco, simboleggiandone la santità.

Però non viene ricollegato unicamente a Maria. Infatti è anche il simbolo dell’Arcangelo Gabriele e di Sant’Antonio da Padova. Quest’ultimo sarebbe infatti il protettore dei matrimoni e della fecondità. Si riscontrano delle somiglianze con le antiche religioni. Per esempio i Greci e i Romani attribuivano questo fiore a divinità protettori del talamo nuziale.

Spesso questa era Era, moglie di Zeus, Giunone per i Romani.

Significato mitologico del giglio bianco

La mitologia greca riporta inoltre come questo fiore sia nato. Si narra infatti che la dea Era stesse allattando il figlio Ercole, quando un po’ del suo latte cadde sulla Terra. Toccando il cielo, da questo, nacquero delle stelle, le quali formarono la Via Lattea. Giungendo invece sul suolo del pianeta generarono dei fiori bellissimi, bianchi come il latte che li aveva creati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

emigrazione
Cultura

I motivi dell’emigrazione

di Notizie

L’emigrazione è un fenomeno antico. Una delle sue cause principali è quella di natura economica. Seguono motivi politici, religiosi e personali.