×

Quale tampone devo fare per uscire dall’isolamento se sono positivo al Covid?

Per quanto le regole cambino a seconda di sintomatici o asintomatici, alla fine della quarantena o dell'isolamento bisogna fare un tampone. Ma quale?

Fine quarantena per positivi Covid, quale tampone fare per uscire dall’isolamento

Da circa una settimana è entrato in vigore il nuovo decreto del premier Draghi sulla quarantena e sull’isolamento. Nelle Faq del Governo, è indicata con chiarezza la differenza tra quarantena ed isolamento: con la prima s’intende la misura destinata ai contatti stretti di un positivo, mentre con l’isolamento s’intende la misura destinata alle persone che hanno contratto il Covid.

Covid, quarantena ed isolamento per sintomatici ed asintomatici

Tuttavia, con il nuovo decreto la durata di questa disposizione cambia a seconda che si tratti di sintomatici o asintomatici. Quest’ultimi sono accumunati solo dalla necessità, alla fine del periodo di quarantena o isolamento, di sottoporsi ad un tampone antigenico o molecolare per poter certificare la guarigione, necessaria anche per ottenere nuovamente il Green pass. Ma vediamo nel dettaglio.

Quarantena ed isolamento: tampone rapido o molecolare?

Partiamo dall’isolamento: per poterne uscire è necessario che il risultato di un tampone antigenico o molecolare sia negativo. Per cui, entrambi i tamponi vanno bene. Ma, per chi risulta positivo sintomatico l’isolamento dura minimo 10 giorni dalla comparsa dei sintomi. Terminati questi 10 giorni, bisognerà attenderne altri tre senza sintomi. Solo allora si potrà effettuare un tampone.

Invece, per chi è asintomatico la situazione è diversa, a seconda delle dosi di vaccino ricevute: per chi non ha ricevuto la terza dose o non ha ancora completato da 120 giorni il ciclo vaccinale primario delle due dosi valgono gli stessi 10 giorni di isolamento previsti per i sintomatici, partendo dalla data in cui si è sottoposto al tampone positivo.

Quindi, è sempre necessario poi il test antigenico o molecolare negativo in uscita dai 10 giorni.

E per chi ha ricevuto la terza dose o ha completato il ciclo vaccinale primario delle due dosi da 120 giorni? In questo caso la durata dell’isolamento è stata portata da 10 a 7 giorni dal tampone positivo. Resta comunque la necessità di effettuare un altro test antigenico o molecolare che risulti negativo alla fine di questi 7 giorni. 

Quarantena ed isolamento: si può uscire di casa dopo un tampone negativo?

É ovvio che, laddove i tamponi diano esito negativo, il soggetto in questione potrà uscire di casa al termine del periodo stabilito per sintomatici e asintomatici. Mentre, qualora il tampone finale continui a risultare positivo, si può comunque uscire dall’isolamento dopo 21 giorni. Tuttavia, solo ed esclusivamente se nell’ultima settimana non si siano verificati sintomi.

Ma, chi certifica la fine della quarantena per i positivi? Sarà la stessa struttura sanitaria a inviare l’esito alla piattaforma nazionale. Il medico di base emetterà il certificato di guarigione, che annulla in maniera automatica il blocco al Green pass sulla stessa piattaforma,, in modo tale che il pass verde sia così nuovamente  a disposizione dell’individuo. 

Contents.media
Ultima ora