Quali App per bloccare un telefono rubato
Quali App per bloccare un telefono rubato
Tecnologia

Quali App per bloccare un telefono rubato

bloccare un telefono

In caso di furto di un cellulare, la prima cosa da fare è bloccare telefono e Sim, e cercare di rintracciarlo. Ecco quali app usare.

Il furto del cellulare è un’esperienza che è capitata quasi a tutti nella vita, purtroppo. Non si tratta solo del fastidio per la perdita dell’oggetto in sé. Quando ci viene rubato il cellulare, a dare pensiero è soprattutto la perdita di tutti i ricordi, le esperienze e, perché no, i documenti che lo smartphone custodiva. Per evitare che il furto si riveli essere più pesante di quello che è, quindi, vi consigliamo di eseguire periodicamente un backup del materiale che più vi sta a cuore. Fotografie, messaggi, video e dati delle app possono facilmente essere salvati su memorie apposite. Molti smartphone ne hanno di già predisposte sul telefono, sfruttatele per alleggerire il pensiero di un telefono rubato. Se, poi, volete sapere come bloccare un telefono, in modo che i vostri dati sensibili non possano essere divulgati, continuate nella lettura. Vi spiegheremo quali app sfruttare per rintracciare il vostro telefono.

Quando il telefono viene rubato

Come abbiamo detto, nel caso di furto del proprio cellulare non si parla quasi mai di solo danno economico.

In fondo, un telefono si può sempre ricomprare. È il pensiero che un estraneo posso entrare, attraverso le foto e i messaggi, nella vita personale del possessore dello smartphone a impensierire di più. Situazioni personali, foto private e messaggi che preferireste non condividere. Fortunatamente, la tecnologia ha pensato anche a questo e ha deciso di venirci incontro. Sul mercato esistono numerose app, molte anche gratuite, che ci permettono di bloccare il cellulare, anche in modalità remota, così da impedire ai ladri l’accesso ai nostri dati sensibili. Non solo perché le nostre informazioni rimangano private, ma anche per impedire che il telefono venga riutilizzato e, magari, rivenduto. Quali sono queste applicazioni? Scopriamolo insieme.

App per bloccare un telefono

Se ti accorgi di non avere più il tuo smartphone con te e sei sicuro che sia stato rubato, il primo step da seguire è quello di bloccare la tua sim. Chiama il tuo operatore e assicurati che nessuno possa usare il tuo numero di telefono.

Ogni azienda ha, poi, un’applicazione ad hoc per i casi di furto o smarrimento. Sono servizi che permettono di rintracciare lo smartphone attraverso il segnale GPS. Ovviamente, è necessario che questo segnale sia attivo. Per gli Iphone, tale servizio si chiama Trova il mio Iphone, per gli Android si accede tramite il sito della gestione dei dispositivi. I Windows Phone hanno, a loro volta, un sito apposito per localizzare i cellulari associati. Se invece cercate un app esterna per bloccare un telefono, potete affidarvi alla più nota. L’App in questione, che funziona alla perfezione per i nostri obiettivi, è Avast! Mobile Security. Pochi sanno che la versione mobile del noto antivirus protegge il nostro cellulare da malware e furto. Agisce, infatti, bloccando il dispositivo in modalità remota con un SMS. L’App è gratuita e scaricabile dal Google Play Store.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche