Quali sono i cibi che prevengono l'osteoporosi - Notizie.it
Quali sono i cibi che prevengono l’osteoporosi
Salute

Quali sono i cibi che prevengono l’osteoporosi

cibi che prevengono l'osteoporosi

Andiamo a vedere i migliori cibi che prevengono l'osteoporosi, ovvero quella malattia che provocata dalla mancanza di calcio nel nostro sistema osseo, riportando tutti i consigli e le novità al riguardo

L’osteoporosi è una malattia prevalentemente patologica di un processo fisiologico in cui il proprio tessuto osseo è soggetto a perdita di massa ossea e resistenza causata da diversi fattori principali, come i disturbi metabolici o patologici, la nutrizione e la genetica.

Infatti l‘osteoporosi non dà nessun segnale al proprio corpo, e si può manifestare in maniera del tutto improvviso con una delle tipiche fratture, che possono avvenire sulle vertebre, femore o polso a seguito di traumi anche molto lievi.

La prevenzione deve iniziare fin da piccoli in quanto l’osteoporosi cresce proprio nella fase di crescita, una fase davvero molto importante in cui si produce circa il 40% della massa ossea definitiva, mentre una volta arrivati a 20 anni, l’indice di massa ossea raggiunge circa il 90% del valore massimo che si raggiungerà in seguito degli anni.

Una corretta ed equilibrata alimentazione permette di assumere dagli alimenti i minerali necessari a formare l’osso senza provocare traumi o fratture, ma occorre fare particolarmente attenzione ai fabbisogni dei due elementi fondamentali: il calcio e vitamina D.

L’assunzione di fosforo è facilitata dal fatto che il minerale è presente in moltissimi alimenti, mentre il calcio è presente in quantità nettamente inferiori, assieme alla vitamina D il cui fabbisogno giornaliero è difficilmente raggiungibile con l’alimentazione e per il quale occorre una corretta esposizione solare durante i mesi caldi (è consigliabile approfittare dell’estate, ma non abusate).

Cibi adatti per l’osteoporosi

Ecco i cibi che aiutano a prevenire l’osteoporosi, quindi è consigliabile consumarli con una certa regolarità, in grado di mantenere sane e in salute la nostra struttura ossea.

Pesce, un super-alimento, che dovrebbe essere consumato regolarmente, proprio come le vongole, gamberoni, tonno, salmone e sardine.

Legumi, alimenti ricchi di preziodi minerali, vitamine, calcio e tantissime fibre, quindi e consigliabile consumarli almeno un paio di volte a settimana.

Frutta secca, abbastanza calorica e quindi da mangiare con moderazione, ma sono davvero molto importanti, in quanto ricchi di antiossidanti; da preferire le nocciole, noci, arachidi e mandorle, ricchi di calcio.

Verdure, proprio come i broccoli, lattuga, biete e spinaci, con un ottimo rapporto di Vitamina K, molto importante in quanto coinvolta nella produzione della osteocalcina, una proteina che contribuisce alla corretta mineralizzazione delle ossa.

Uova, un cibo completo ricco di preziose proteine ad alto valore biologico e Vitamina D, che combinata con il calcio si fissa nelle ossa, in modo tale da prevenire l’osteoporosi.

I cibi da evitare

Bisogna evitare il consumo eccessivo di sale, in quanto può aumentare la perdita di calcio attraverso l’urina, e quindi seguire una dieta varia e soprattutto bilanciata seguendo tutte le regole della dieta, preferendo alimenti con maggior apporto di elementi nutrizionali (vitamine, calcio ecc.) ed il loro apporto calorico, in modo da evitare l’aumento di peso e le possibili malattie.

Altri alimenti da evitare sono sicuramente quelli ricchi di fosforo e proteine, in quanto se consumati in quantità eccessive possono provocare delle gravi perdite di questo importante minerale.

La dieta e i vari consigli per prevenire l’osteoporosi

La dieta assieme all’attività fisica contribuiscono ad aumentare l’incidenza della malattia osteoporosi, quindi è consigliabile abolire vari stili di vita che possono influire sulla malattia in merito, proprio come il fumo della sigaretta, che ha un effetto negativo sulla massa ossea.
L‘attività fisica è uno dei tanti fattori positivi, soprattutto di tipo motorio-sportivo, il quale esercita uno stimolo meccanico sulle ossa, che vengono sollecitate a crescere e a mantenere una certa densità o compattezza, così come l’esposizione solare, davvero molto importante alla sintesi cutanea della vitamina D, necessaria all’ossificazione e carente nella dieta della popolazione media.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche