Quali parti del cervello sono affette dalla schizofrenia? - Notizie.it
Quali parti del cervello sono affette dalla schizofrenia?
Guide

Quali parti del cervello sono affette dalla schizofrenia?

Eugene Bleuler (1857 al 1939) ha introdotto il termine “schizofrenia” nel 1908. Si riferisce ad una “scissione” della mente Anche se le cause esatte della schizofrenia rimangono poco chiare, la prova schiacciante che il funzionamento del cervello anormale potrebbe essere un fattore nella malattia.

L’ipotesi dopamina
Secondo la teoria della dopamina, la dopamina (un neurotrasmettitore nel cervello) sembra essere iperattiva nelle persone affette da schizofrenia. Questa sovrabbondanza di dopamina nel cervello è in grado di produrre deficit motori e cognitivi, psicosi (cioè allucinazioni auditive e visive).

Le differenze strutturali del cervello
Alcuni pazienti affetti da schizofrenia mostrano cambiamenti strutturali nel cervello (regione del lobo frontale). La MRI (risonanza magnetica) rivelano marcate riduzioni nella materia grigia, diminuzione del volume del cervello.

Dimensioni del ventricolo
I ventricoli e nuclei della base (che si trova nel lobo frontale del cervello) tendono ad essere maggiori nei pazienti con la malattia. Così, l’ippocampo e l’amigdala (struttura a forma di mandorla nel cervello) sembrano essere più piccoli.

L’ippocampo
Un recente studio di medici alla Columbia University (Science Daily, 2009), ha scoperto l’accresciuta attività nell’ippocampo dopo la scansione del cervello di persone a rischio di sviluppare la schizofrenia.

La maggior parte dei pazienti affetti da questa alta attività nell’ippocampo hanno sviluppato la schizofrenia. Questi risultati potrebbero aiutare nella diagnosi precoce della malattia.

Trattamento
La schizofrenia può essere trattata con anti-psicotici (cioè Zyprexa Olanzapine o Risperodone). Questi farmaci sono utili nel trattamento dei sintomi negativi e positivi della malattia. Gli effetti collaterali del farmaco sono: secchezza delle fauci, stordimento, visione offuscata e movimenti involontari della lingua, della faccia, della bocca e della mandibola.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*