Quali sono le caratteristiche delle favole nella letteratura - Notizie.it
Quali sono le caratteristiche delle favole nella letteratura
Guide

Quali sono le caratteristiche delle favole nella letteratura

Comuni a quasi tutte le culture del mondo, le favole sono uno dei generi di letteratura popolare più vecchi e durevoli al mondo. Le caratteristiche che differenziano le favole da altri generi letterari si riferiscono alla loro enfasi sulle lezioni morali, consegnate attraverso una storia un po’ umoristica, con oggetti inanimati o animali personificati.

Lezioni morali

Le favole offrono lezioni di vita di natura morale. Queste sono lezioni che un giovane lettore o ascoltatore si suppone possa utilizzare quando si prendono decisioni difficili. Per esempio, nella classica favola di Esopo “La lepre e la tartaruga”, la lepre troppo sicura di sé presuppone di poter battere facilmente la tartaruga in una corsa. Quando la lepre si ferma per un riposino dopo aver costruito un vantaggio considerevole, la tartaruga lentamente, ma in modo sicuro, la supera e vince la corsa. La lezione di questa favola vuol dire che è meglio essere costante e impegnarsi come la tartaruga, piuttosto che troppo sicuri di sé e incostanti come la lepre.

Follia divertente

Le favole sono sia istruttive che divertenti.

La loro qualità divertente è spesso umorismo, in particolar modo umorismo centrato sul comportamento imprudente o sciocco di un personaggio che il lettore o l’ascoltatore si suppone che consideri tanto sciocco. Per esempio, ne “La cicala e la formica”, la temeraria e allegra cicala è comparata alla formica gran lavoratrice. La cicala canta e balla, mentre la formica raccoglie e fa provviste per l’inverno. Quando arriva l’inverno, c’è la caduta della cicala, perché non ha immagazzinato scorte per l’inverno.

Animali come esseri umani

Come con “La lepre e la tartaruga” e “La cicala e la formica”, le favole hanno come personaggi centrali degli animali. La maggior parte delle favole di Esopo sono caratterizzate da animali con qualità umane, e le sue favole erano estremamente influenti in tutto il mondo antico, dall’Europa all’Asia e anche nel nord Africa. Anche altri popoli aborigeni provenienti dal Nord e Sud America, così come dall’Australia, avevano favole che si focalizzavano su personaggi animali con qualità umane.

Oggetti personificati

Molte favole sono caratterizzate anche da oggetti come personaggi.

Per esempio, nella favola di Ignacy Krasicki “Il pane e la spada”, entrambi gli oggetti del titolo sono personificati e interagiscono l’un l’altro nel corso della storia. La spada maschio dice al pane femmina che lei lo dovrebbe rispettare di più perché difende il suo diritto a provvedere al sostentamento degli umani. Il pane risponde che lei non lo rispetterà fino a quando continuerà a tagliarla in pezzi più piccoli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*