×

Quando bisogna vaccinare i bambini che hanno avuto il Covid secondo i pediatri?

C'è una domanda che ricorre fra moltissimi genitori italiani: quando bisogna vaccinare i bambini che hanno avuto il Covid? La risposta l'ha data la Sip

Il vademecum dei pediatri per le vaccinazioni ai bambini che hanno avuto il covid

La domanda non è da sottovalutare: quando bisogna vaccinare i bambini che hanno avuto il Covid secondo i pediatri? Non lo è perché la situazione italiana purtroppo vede i bambini al centro della tacca di mira della variante Omicron e la concreta possibilità che faccia massa statistica la casistica di piccoli semi immunizzati solo con prima dose che nel frattempo prendano il virus.

Il contesto è evidente: l’incidenza aumenta, le immunizzazioni sono basse e c’è il dubbio su cosa fare in caso di positività

Come e quando vaccinare i bambini che hanno avuto il Covid, ma soprattutto vaccinarli perché Omicron corre fra loro

Le vaccinazioni pediatriche in Italia non decollano. Sono state somministrate in tutto 1.061.387 dosi, sono il 29% della popolazione under 12. La doppia dose invece l’hanno avuta solo in 303.039 bambini, l’8,2% della platea.

Omicron però incalza e punta soprattutto loro. Annamaria Staiano, presidente della Società italiana di Pediatria e professore ordinario presso l’Università di Napoli Federico II, lo ha spiegato molto bene a Fanpage:  “L’incidenza dei contagi nei bambini sta aumentando drammaticamente, i vaccini non decollano e si sta verificando anche un incremento dei ricoveri in ospedale e nelle terapie intensive e stiamo vedendo molti casi anche al di sotto dei 5 anni, la maggior parte delle ospedalizzazioni riguarda proprio questa fascia d’età”. 

Vaccinare i bambini che hanno avuto il Covid: i rischi seri per i piccoli che non si immunizzano

E ancora: “Non possiamo accettare l’affermazione che il Covid non sia caratterizzato da manifestazioni cliniche severe in età pediatrica. Dobbiamo anche ricordare che la malattia può essere seguita da complicanze quali la Mis-C, o Sindrome infiammatoria multi sistemica e il Long Covid. Dobbiamo proteggere i bambini da queste conseguenze”. È il motivo per cui la Sip ha stilato e diffuso una specie di guida per i genitori dubbiosi. E uno degli argomenti chiave è proprio quello sui bambini positivi al covid subito dopo aver effettuato la prima dose di vaccino o che abbiano positività riscontrata due settimane dopo l’inoculazione

I tre casi per vaccinare i bambini, anche quelli che hanno avuto il Covid: la situazione classica

“Tra la prima e la seconda dose devono passare 21 o 28 giorni, a seconda che ci si vaccini con Pfizer o Moderna. La dose di richiamo (booster) può essere fatta dopo 4 mesi (ma solo per gli over 12)”. E ancora, in descrizione della situazione canonica: “La prima dose va fatta dopo il terzo mese e non oltre il dodicesimo, poi dopo 4 mesi (solo per gli over 12) si fa il richiamo. Se, invece, sono trascorsi più di 12 mesi dall’infezione allora si segue lo schema vaccinale classico: prima dose, seconda dopo 21 o 28 giorni e richiamo (solo per over 12) dopo 4 mesi”. 

Gli accorgimenti per vaccinare i bambini che hanno avuto il Covid: occhio al calendario nei casi due e tre 

Poi c’è la situazione due: “Se l’infezione viene contratta dopo aver effettuato la prima dose di vaccino le possibilità sono due: se si risulta positivi entro il tredicesimo giorno dall’inoculazione allora la seconda dose viene fatta dopo 3-6 mesi dall’infezione e la dose di richiamo, per gli over 12, può essere fatta dopo 4 mesi”. E poi: “Il secondo caso è quello in cui si risulti positivi al virus dopo 14 giorni dalla prima dose e prima della seconda: in tal caso  la dose di richiamo, sempre per gli over 12, viene fatta dopo 4 mesi”. Lo scenario finale è quello della positività dopo aver effettuato entrambe le dosi di vaccino ma prima di effettuare il richiamo. “In questo caso il booster, sempre per quanto riguarda i soggetti di età superiore ai 12 anni, viene fatto dopo 4 mesi”.

Contents.media
Ultima ora