×

Quanto guadagnano le case farmaceutiche grazie al vaccino Covid?

Il vaccino anti Covid si sta rivelando una vera miniera d'oro per le case farmaceutiche che li hanno sviluppati: ma quanto hanno guadagnato finora?

vaccino case farmaceutiche

Nella corsa al vaccino anti Covid i vincitori sembrano essere proprio loro: le case farmaceutiche che negli ultimi mesi si sono attrezzate per svilupparne una propria versione e che ora stanno venendo prese d’assalto dai governi di tutto il mondo per l’accaparramento delle dosi necessarie a immunizzare la popolazione.

Che il vaccino sia la vera e propria minera d’oro delle aziende farmaceutiche emerge dai dati sulla capitalizzazione e sui ricavi trimestrali che le stesse aziende hanno reso noti all’inizio di quest’anno. Valori che hanno subito due nette impennate rispettivamente in corrispondenza dell’annuncio dell’efficacia del siero e dell’inizio delle campagne di acquisti da parte dei governi mondiali.

Quanto guadagnano le case farmaceutiche grazie al vaccino Covid?

Osservando i dati sui ricavi dell’ultimo trimestre, la casa farmaceutica ad essere andata meglio di tutte è Pfizer, che ha registrato un aumento di fatturato delle vendite di circa 4,5 miliardi di dollari, corrispondente al 45% in più rispetto allo stesso periodo del 2020. Soltanto dal vaccino per il Covid-19 sono inoltre arrivate entrate per circa 3,5 miliardi di dollari.

La stessa Pfizer che nel novembre del 2020 aveva registrato un netto aumento del valore delle proprie azioni all’annuncio dell’efficacia al 90% del vaccino anti Covid che stava sviluppando, ma che non era ancora stato messo in commercio.

Ora che il vaccino è stato commercializzato che e diversi paesi ne stanno facendo incetta, la casa farmaceutica ha pronosticato solo per il 2021 un incremento delle vendite pari a 26 miliardi di dollari. Un incremento che potrebbe essere addirittura maggiore se Pfizer riuscisse a produrre ulteriori fiale di vaccino grazie all’accordo con BioNTech.

Vaccino, i guadagni delle case farmaceutiche: 2 miliardi di ricavi per BioNTech

Ed è proprio BioNTech una delle aziende farmaceutiche che più ha beneficiato della corsa al vaccino. La piccola casa tedesca di biotecnologia e biofarmaceutica è infatti passata dai 27,7 milioni di euro di ricavi del primo trimestre del 2020 ai 2,08 miliardi di euro registrati nello stesso periodo di quest’anno. A questo si accompagna l’utile netto, salito a 1,12 miliardi di euro a fronte di una perdita netta di 53 milioni nel 2020.

Vaccino, i guadagni delle case farmaceutiche: AstraZeneca e Moderna

Malgrado le polemiche relative ai ritardi nelle consegne e agli effetti collaterali del vaccino, anche AtraZeneca ha registrato un netto incremento del fatturato aziendale, con 7,3 miliardi di dollari di ricavi all’interno dei quali però i vaccini anti Covid costituiscono soltanto una minima parte. A causa dei prezzi molto bassi rispetto alle altre aziende infatti, AstraZeneca ha venduto vaccini solo per 275 milioni di dollari.

All’estremo opposto troviamo invece Moderna, che invece punta tutto proprio sul vaccion anti Covid, uno farmaco al momento commercializzato dall’azienda. Al momento Moderna ha già fatto registrare 1,7 miliardi di dollari di ricavi, anche se la stessa azienda ha pronosticato che entro la fine del 2021 potrà giungere a ben 18 miliardi di dollari di vendite, con conseguente incremento della capitalizzazione delle azioni.

Contents.media
Ultima ora