×

Quarantena per i turisti dal Regno Unito, a breve scade: “Speranza chiarisca cosa intende fare”

Federalberghi chiede al governo di chiarire se intende prorogare o annullare la quarantena per i turisti del Regno Unito.

Quarantena turisti regno unito

Tra pochi giorni scadrà l’ordinanza con cui il ministro della Salute Speranza ha confermato l’obbligo di isolamento fiduciario per i viaggiatori provenienti dal Regno Unito alla luce dell’aumento dei casi registratosi negli scorsi mesi a causa della variante Delta.

Federalberghi chiede al governo se ha intenzione di prorogarla o meno: “Il governo dovrebbe sapere che la filiera turistica vive di programmazione e che le incertezze rischiano di azzerare i flussi di vacanzieri diretti in Italia“.

Quarantena per i turisti dal Regno Unito

Il Presidente di Federalberghi Campania Costanzo Iaccarino ha fatto presente che l’ordinanza restrittiva ha già prodotto enormi danni alla filiera turistica campana e rischia di causarne altrettanti l’incertezza sulla sorte di quel provvedimento.

Imporre agli ospiti britannici l’isolamento fiduciario al loro arrivo in Italia, ha spiegato, equivale infatti a disincentivare la prenotazione dei soggiorni nel nostro paese. Una compagnia aerea ha per esempio già cancellato tutti i voli verso l’Italia e un’altra è pronta a fare altrettanto. “Anche la sola incertezza sulla sorte delle restrizioni spingerà altri tour operator ad azzerare le prenotazioni di voli e soggiorni in Campania“, ha evidenziato.

Un disastro per la regione, dove in passato sono stati registrati fino a 10mila arrivi di turisti britannici al giorno a settembre.

Quarantena per i turisti dal Regno Unito: la proposta di Federalberghi

La sua proposta per attenuare l’impatto negativo dell’isolamento fiduciario è quella di consentire ai turisti britannici di presentare una certificazione verde o una certificazione equivalente anziché costringerli alla mini-quarantena. In questo modo, pur garantendo un alto livello di tutela sanitaria, i flussi turistici subirebbero minori restrizioni.

Contents.media
Ultima ora