Quasi 2 Italiani su 10 soffrono di eiaculazione precoce
Quasi 2 Italiani su 10 soffrono di eiaculazione precoce
News

Quasi 2 Italiani su 10 soffrono di eiaculazione precoce

Quasi 2 Italiani su 10 soffrono di eiaculazione precoce

Secondo alcune statistiche pare proprio che il 20% degli italiani soffre di eiaculazione precoce, questo rappresenta un vero e proprio disturbo sessuale che è molto comune. Questa affermazione è stata fatta dalla SIU che è la società di Urologia, che lo ha affermato durante il congresso della Eau che si è svolto a Madrid. Paolo Verze ricercatore dell’università Federico II di Napoli afferma che dallo studio che è stato effettuato e che è in corso di pubblicazione pare proprio che l’eiaculazione precoce è uno dei disturbi più comuni in quanto ne soffre circa il venti per cento degli italiani ovvero quasi sei milioni di persone. Mentre al secondo posto ci sono le disfunzioni erettili di cui ne soffre solo il 1213% dei maschi italiani.

Secondo gli esperti pare che questo problema inizi a sorgere durante l’adolescenza. Questo problema dell’eiaculazione precoce secondo gli esperti nella maggior parte dei casi si manifesta da quando si è adolescenti quindi è un problema primario.

Ma questo problema può essere aggirato con l’aiuto di farmaci. Ma secondo Carlo Pavone pare che questo disturbo possa essere risolto anche senza farmaci ma solo con la psicoterapia.

È stato effettuato uno studio su circa cento cinquanta pazienti con età compresa tra i diciotto e i settanta anni. Questi sono stati assegnati solo alla psicoterapia ed alla terapia farmacologica ed in alcuni casi alla combinazione di entrambi. I numeri sono abbastanza confortanti in quanto pare proprio che con la sola terapia di farmaci si è passati dal 79% di eiaculazione precoce al 75% con durata di circa 200 secondi, mentre con la psicoterapia si è scesi al 75% con una durata di circa 330 secondi, mentre mettendo insieme la terapia farmacologica e quella psicoterapeutica si è addirittura scesi al 74% con una durata di circa 600 secondi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche