×

Quirinale, il leader leghista Salvini fa chiarezza dopo il freno a Draghi: “Non metto veti a nessuno”

Salvini ha fatto chiarezza dopo aver chiesto a Draghi che rimanga premier e annuncia la riunione del centrodestra.

Salvini riunione centrodestra

“Draghi resti premier”, è stato questo il filo conduttore seguito dal leader della Lega Matteo Salvini per ciò che riguarda le elezioni del presidente della Repubblica sempre più vicine. Ora il leader leghista ha fatto chiarezza annunciando che nei prossimi giorni dovrebbe riunirsi il centrodestra.

Sul tavolo, la scelta di un capo dello Stato che possa rappresentare tutti. “Non metto veti nei confronti di nessuno”, ha precisato a tal proposito. 

Salvini riunione centrodestra, “Non metto freni nei confronti di nessuno”

 “Sto lavorando perché si scelga in fretta, senza escludere nessuno. Non metto veti nei confronti di nessuno e tutti hanno titolo di presentarsi”. Sono queste le parole di Salvini che ha fatto chiarezza sui candidati che verranno presentati nella corsa per il Colle.

Secondo il leader del Carroccio dunque, virtualmente potrà candidarsi chiunque pur tenendo presente che il prossimo presente della Repubblica dovrà essere in grado di salvaguardare gli interessi di un’intera nazione. 

Salvini riunione centrodestra, “Non faccio nomi” 

Salvini ha precisato come questo non sia ancora il momento di formulare dei nomi, ma se ne parlerà in modo dettagliato neille prossime settimane: “Non faccio nomi, ne parleremo a gennaio”, mettendo quindi in evidenza come la riunione con il centrodestra potrebbe essere l’occasione per fare il punto della situazione. 

Salvini riunione centrodestra, “Sono d’accordo con l’Economist”

In un precedente intervento nel corso di una pausa del processo Open Arms che ha richiamato il leader del Carroccio a Palermo, Salvini aveva sottolineato quanto fosse importante che Draghi continuasse a fare il premier: “Sono assolutamente d’accordo con l’Economist […] “A differenza di Letta che dice ‘si va bene tutti ma Berlusconi no’ io mi siederò al tavolo ascoltando tutti: ma perché Berlusconi no? Se Berlusconi avesse i numeri non c’è un articolo di Costituzione che prevede che il segretario del PD possa mettere i veti”. 

Salvini riunione centrodestra, passanti cantano “Bella Ciao” a pochi passi dal gazebo

Nel frattempo Matteo Salvini ha fatto visita ai giovani della Lega che hanno installato un gazebo a Milano in Piazza San Babila. A fare notizia è stata però l’esibizione dell’Acoustic Blue Duo che, a pochi passi dall’installazione, si è messa a suonare “Bella Ciao”. Questo ha portato molti passanti a cantare a loro volta. 

Contents.media
Ultima ora