×

Quirinale, Letta abbraccia l’ipotesi di convincere Meloni: “Ci vuole un largo sostegno”

Letta cerca un largo sostegno per il Quirinale, coinvolgendo anche il centrodestra, in particolare Giorgia Meloni

Enrico Letta

La lotta per un posto al Quirinale è sempre più accesa, il totonomi si allarga sempre di più e non è detto che ci possano essere delle sorprese dell’ultimo minuto.

La lotta per il Quirinale è sempre più accesa

È sicurissimo Enrico Letta, che anche se non dovesse esserci un Mattarella bis, sarà necessaria un’ampia coalizione a sostentere il prossimo Presidente della Repubblica.

Durante un’intervista al Corriere.it, Letta ha espresso il suo parere dicendo che “a gennaio ne discuteremo ma secondo me in questa situazione è bene che il presidente venga eletto con una larga maggioranza o largo sostegno perchè sarebbe contradditorio che venga eletto da una maggioranza stretta mentre il governo è sostenuto dalla maggioranze più larga della storia repubblicana“.

Al Quirinale Letta vuole l’appoggio di Meloni

Il Segretrio del PD ha inoltre nominato anche Giorgia Meloni, che vorrebbe correre alle elezioni quanto prima e trovare un accordo che permetta al centrodestra di avere molto potere al Quirinale.

In questo momemento una collaborazione tra PD e Fratelli d’Italia sembra quasi un’utopia, ma mai dire mai. Letta tiene in considerazione un possibile appoggio della Meloni, anche se non avendo mai parlato direttamente con lei, sta facendo i conti senza l’oste.

Il centrodestra sembra diviso per la lotta al Quirinale

Il centrodestra doveva essere la coalizione più compatta rispetto alle altre, ma stando alle ultime vicende non sembra sia così.

La Lega vorrebbe continuare con Draghi come premier perchè è riuscita ad ottenere dei seggi di maggiornaza oltre che dei ministeri, ma non esclude anche l‘ipotesi Draghi al Qurinale. Da Forza Italia sembrano sempre più convinti di voler mandare il loro presidente Silvio Berlusconi al Qurinale. Una battaglia, dunque, che non può dare ancora un esito certo.

Contents.media
Ultima ora