> > Rage Against The Machine, Tim Commerford si racconta: “Ho il cancro alla pr...

Rage Against The Machine, Tim Commerford si racconta: “Ho il cancro alla prostata”

Tim Commerford cancro prostata

Tim Commerford, bassista dei Rage Against The Machine, ha rivelato di essere malato di cancro alla prostata: il racconto del musicista.

Ha scelto di condividere con i fan la sua battaglia contro il cancro alla prostata il bassista dei Rage Against The Machine, Tim Commerford.

L’artista ha raccontato non solo il dolore fisico provato ma anche le difficoltà che riguardano l’aspetto psicologico ed emotivo della malattia.

Rage Against The Machine, Tim Commerford si racconta: “Ho il cancro alla prostata”

Il bassista dei Rage Against The Machine, Tim Commerford, 54 anni, ha scelto di condividere pubblicamente l’esperienza vissuta dopo aver scoperto di avere un cancro alla prostata. L’artista ha rivelato di aver ricevuto la diagnosi nei mesi scorsi ed essersi dovuto sottoporre a un’operazione.

Per affrontare la malattia e la battaglia contro il tumore, ha anche spiegato di aver avuto bisogno di supporto psicologico. Precisando che solo i familiari e pochi amici (tra cui i membri della band) erano a conoscenza della situazione, ha scritto: “Poco prima di andare in tour con i Rage, mi hanno rimosso la prostata. Avevo un cancro”.

“Sono sempre stato fiero della mia forma fisica e mi sono sempre preso cura di me stesso, ma questo è qualcosa dove sei fortunato oppure no.

Adesso qualunque cosa mi succeda, mi chiedo se capiti perché ho il cancro. E quello alla prostata è un cancro molto, molto, molto duro, perché è collegato alla sessualità. È difficile non pensare a questa cosa e quando sei costretto in questa situazione, è davvero un viaggio psicologico brutale”, ha spiegato.

Il ruolo della musica

Commerford, quindi, ha spiegato di che la sofferenza emotiva e psicologica si è sviluppata insieme al dolore fisico. “Non ho mai sentito un dolore del genere.

Facendo sport, mi sono fatto male tante volte e pensavo di avere un’altissima soglia di tolleranza al dolore, ma quella m***a mi ha messo in ginocchio. Dopo che il dolore è passato, non sono ancora riuscito a rimettermi in piedi, anche se mi sto allenando, ma psicologicamente il danno è grave ed è molto difficile per me non crollare”, ha raccontato il bassista dei Rage.

La band, intanto, era stata costretta a interrompere il suo tour lo scorso ottobre a causa di un altro infortunio.

Il frontman Zack de la Roch, infatti, si era rotto il tendine d’Achille.

Raccontando la sua storia, infine, Commerford ha concluso: “Quando ero sul palco con i Rage, c’erano momenti in cui non pensavo al cancro. La musica c’è sempre stata nei miei momenti difficili”.