Ragno gigante blocca la finestra: coppia si barrica in casa
Ragno gigante blocca la finestra: coppia si barrica in casa
Animali

Ragno gigante blocca la finestra: coppia si barrica in casa

ragno

Ragno gigante blocca la finestra di una coppi australiana. A volte gli effetti ottici o le fotografie modificate possono portare a conclusioni sbagliate. Bufala o realtà?

Ragno gigante

Una coppia australiana risulterebbe essere rimasta bloccata in casa per colpa di un ragno gigante. Spesso girano notizie di ragni giganti false ma questa volta è vero. La cosa però che non è vera è la misura gigante dell’animale. La foto postata sul profilo Facebook di un utente riprende un ragno gigante. La foto però risulta essere stata ingrandita. Il ragno sembra occupare la metà della finestra ed appare grande quasi un metro. Non si hanno però parametri di confronto per capire se questo è vero. In un’altra immagine che ritrae il ragno mentre scende dalla finestra si capisce che il ragno è piccolo. Alla fine si scopre che il ragno misura 10 cm. E’ un ragno grande ma nella norma per questo tipo di aracnide. Piano piano il ragno se ne è andato indisturbato e la coppia non è rimasta poi così sconvolta. Stavolta per ottenere l’effetto si è arrivati ad un artificio tecnico. Di bufale ne girano tante e questa è una di quelle.

Ragni

ragno

Molti pensano che i ragni fanno parte degli insetti invece no.

I ragni fanno parte delle aracnidi suddivise in 112 famiglie. Comprendono 46.738 specie. Il corpo è suddiviso in due segmenti cefalotorace e opistosoma (gli insetti in tre parti). I due segmenti sono uniti da un piccolo pedicello di forma cilindrica. Hanno otto zampe (gli insetti 6) e sono provvisti di cheliceri. Nella parte finale dell’addome sono presenti le filiere. Queste estrudono la seta che serve per creare le ragnatele o catturare le prede. E’ una seta superiore a qualsiasi materiale sintetico per leggerezza, tenacia ed elasticità. Tutte le specie sono carnivore tranne una.

Ragni pericolosi in Italia

200 specie sono considerate pericolose per l’uomo. Bisogna precisare una cosa tutti i ragni hanno ghiandole velenifere. La secrezione serve come arma di difesa e come mezzo per procurarsi cibo. In Italia esistono due specie di ragni pericolosi: La malmignatta e la tarantola. La prima può risultare pericolosa per i bambini, gli anziani e per le persone cagionevoli di salute.

La seconda infligge una puntura molto dolorosa. Risulta letale a chi è allergico al componente del suo veleno.

Ragni pericolosissimi

Nel mondo invece ce ne sono di pericolosissimi e mortali per l’uomo. C’è il ragno delle banane diffusa soprattutto in Brasile. Ama nascondersi nelle piantagioni di banane ed è il ragno più letale e velenoso del pianeta. Il suo veleno è stato iscritto nel Guinness dei primati 2010. Provoca difficoltà respiratoria, paralisi cardio-respiratoria. Una curiosità negli uomini provoca una lunga e dolorosissima erezione che poi porta all’impotenza. In Africa meridionale nel deserto di Kalahari troviamo il ragno di sabbia a sei occhi. Il morso non è doloroso e quindi ce se ne accorge anche a distanza di ore. La sua tossina dissolve i tessuti quindi le vene cedono e si hanno delle emorragie interne. Non esiste un antidoto. In Australia a Sydney vive il ragno dalla tela a imbuto o ragno dei cunicoli.

I maschi sono 6 volte più velenosi delle femmine. Prima del 1981 quando è stato scoperto l’antidoto si sono verificate morti in 15 minuti dalla puntura. Arriviamo agli Stati Uniti sudorientali dove troviamo la vedova nera. Il veleno si diffonde velocemente e senza antidoto può rilevarsi letale.

Aracnofobia

ragno

I ragni terrorizzano un gruppo elevato di persone senza un motivo specifico. A volte diventa una paura agghiacciante che può portare ad attacchi di panico. L’aracnofobia è la malattia più diffusa in assoluto nei confronti di animali. Questa malattia non si ferma al ragno ma si estende anche alla ragnatela. La paura per la ragnatela è portata dalla fobia di essere intrappolati all’interno di essa. L’aracnofobia rientra nelle paure irrazionali. Le fobie in generale celano dei disturbi psicologici più o meno gravi.

Prevenzione contro i ragni

Durante l’autunno è possibile che i ragni entrino in casa per trovare un posto caldo. Per evitare il loro ingresso bisogna passare l’aspirapolvere regolarmente, eliminare le ragnatele visibili, tappare i buchi dei muri.

Evitare mucchi di legna nei pressi dell’abitazione. Comunque i ragni piccolini che troviamo in casa non sono letali e non danno fastidio a nessuno. Ci sono altri animali pericolosi dai quali avere paura e non sono sicuramente i ragni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche