Mangia un panino e ha una reazione allergica: muore quindicenne
Mangia un panino e ha reazione allergica: muore quindicenne
Esteri

Mangia un panino e ha reazione allergica: muore quindicenne

La ragazza non si sarebbe accorta della presenza di sesamo perchè non indicato sulla singola confezione del panino. Avviata una inchiesta.

Una ragazza quindicenne è morta dopo aver mangiato un panino che conteneva sesamo, e che le ha causato una forte reazione allergica. La giovane, Natasha Edan-Laperouse, era in viaggio con il padre Nadim – milionario fondatore della Wow Toys Company – e un amico. I tre erano sul volo della British Airways partito da Londra e diretto a Nizza quando Natasha si è sentita male. E nonostante le due iniezioni di epinefrina effettuate dal padre quando ancora in volo, è morta poco dopo essere giunta presso l’ospedale della città francese.

L’allergene non indicato in confezione

A quanto pare la ragazza non si sarebbe accorta della presenza di sesamo in quanto sulla confezione non era presente la lista degli allergeni. Infatti, come nel caso dei fast food, per i locali che preparano panini sul posto non si prevede l’obbligo di indicazione degli allergeni su ogni singolo panino.

Si annuncia adesso l‘apertura di un’inchiesta mirata ad esaminare la regolamentazione riguardante l’obbligo di indicare gli allergeni presenti nei cibi.

Si vuole infatti verificare che la legge vigente offra una adeguata tutela dei consumatori.

Inoltre si apprende che alla catena presso la quale la ragazza ha acquistato il panino si richiede di fornire dettagli su eventuali altri casi di reazioni allergiche ai propri prodotti avvenute negli ultimi due anni.

L’inchiesta prenderà in esame anche le misure prese dalla British Airways per assicurarsi che il personale di bordo sia adeguatamente formato ad affrontare simili emergenze.

Bisognerà anche capire se il pilota avrebbe dovuto modificare il proprio tragitto per dirigersi al più vicino aeroporto di Lione, e se ci siano state delle sue condotte omissive.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche