×

Regno Unito, annunciato progetto di accoglienza per 20mila migranti afgani

Il Regno Unito mira a dare rifugio a 5milioni di afgani nel 2021. Si vorrebbe poi aumentare la cifra nei prossimi anni, fino ad arrivare a 20mila.

Boris Johnson, Regno Unito

Dopo la presa di Kabul da parte dei Talebani, il Regno Unito si prepara ad attivare un piano di accoglienza per i nuovi migranti provenienti dall’Afganistan. Le nuove misure saranno spiegate ufficialmente dal primo ministro Boris Johnson il 18 agosto durante una seduta in Parlamento.

Regno Unito, il progetto d’accoglienza per i profughi afgani

Leggi anche: Afghanistan, il presidente Ghani si dimette: annunciato governo guidato da talebani

Secondo le più recenti dichiarazioni, il progetto della Gran Bretagna prevede sia una visione a lungo che a breve termine. Il Paese, infatti, si impegnerà a dare asilo a 5mila migranti afgani durante il 2021. Nei prossimi anni, invece, il numero di persone dovrebbe raggiungere le 20mila.

I primi ad essere aiutati saranno donne, bambini e minoranze religiose. Inoltre, come ha dichiarato Johnson, l’obiettivo principale è quello andare in soccorso di chi ha collaborato con il governo britannico. Collaborazione per cui ora potrebbero essere oggetto di rappresaglie organizzate dai Talebani.

Regno Unito, le dichiarazioni di Johnson

Il premier inglese, esponendo il progetto, ha affermato: “Abbiamo un debito di gratitudine con quelli che hanno lavorato con noi per rendere l’Afghanistan un posto migliore negli ultimi 20 anni”.

Molti di loro, in particolare le donne, ora hanno urgente bisogno del nostro aiuto. Sono orgoglioso che siamo in grado di avviare questo percorso per aiutarli insieme alle loro famiglie per vivere in sicurezza nel Regno Unito“, ha poi sottolineato.

Regno Unito, Johnson e il colloquio con Biden

Il primo ministro britannico si è, inoltre, recentemente confrontato sul tema con il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Ciò è avvenuto al termine della preparazione del nuovo “settlement scheme” del Regno Unito per i migranti afgani.

Leggi anche: Afghanistan, Jalalabad contro i talebani: due morti e dieci feriti

Secondo ciò che ha rivelato il premier inglese, i due continueranno a occuparsi assieme del progetto d’evacuazione. Un portavoce di Johnson ha inoltre rivelato: “(I due leader) hanno deciso di continuare a lavorare in costante contatto nei prossimi giorni e settimane per permettere a quante più persone possibile di lasciare il paese”.

Oltre a tutto ciò, è stato detto che durante il colloquio Johnson ha “sottolineato l’importanza di non perdere ciò che si è guadagnato in Afghanistan negli ultimi 20 anni”.

Johnson e Biden si confronteranno presto di nuovo. Ciò avverrà nel corso di una riunione con gli altri membri dei G7 che avverrà online.

Leggi anche: Regno Unito, bambino e agente di polizia trovati morti nel Worcestershire

Contents.media
Ultima ora