Rendita e dichiarato! - Notizie.it
Rendita e dichiarato!
Mutui e Prestiti

Rendita e dichiarato!


Quando si acquista una casa bisogna tener conto di una fattore importantissimo. Le spese da effettuare oltre al costo dell’immobile. Il valore che più pesa nei conti riguarda se la casa è nuova o usata. Questo non solo per il valore in sé ma a parità di prezzo il nuovo ha delle spese “accessorie” maggiori. Questo riguarda il fatto che per un usato bisogna pagare il 4% (prima casa) o il 10% (seconda casa) sulla rendita catastale; mentre su un nuovo bisogna pagare il 4% o 10 % (ovvero l’IVA) sul dichiarato. Per quanto riguarda la prima ipotesi il calcolo si fa in base a delle cifre che compaiono su visure catastale che si differenziano per ogni abitazione: il risultato sono cifre abbastanza contenute. Al contrario nel secondo caso bisogna fare il semplice calcolo sulla cifra che si dichiara al rogito di pagare la casa. Facendo degli esempi si può dire che per l’acquisto di una soluzione usata come prima casa di 150.000 euro le spese extra si aggirano sui 12.000 euro se si considerano almeno 2.500 euro di atto notarile di compravendita, 2.500 euro di atto notarile di mutuo, 5.000 euro di agenzia (se ne avete usufruito), e il restante tra imposte varie e appunto la rendita catastale.

Se invece la prima casa che acquistate è nuova bisogna tenere conto di tutte le spese fin’ora dette con l’aggiunta di 6.000 euro perché è il 4% di 150.000 euro. Un’altra spesa da tener conto nelle case di nuova costruzione è il costo di allacciamenti e accatastamenti. Solitamente questi hanno un valore medio del 2% sul costo della casa; nel nostro esempio quindi altri 3.000 euro.
Quindi se prima avevamo ipotizzato un 12.000 euro per l’usato, ora su una casa dello stesso prezzo si arriva a circa 20.000 euro di spese.
Naturalmente questa è una spiegazione molto semplificata. Il messaggio principale è che in linea generale tra un usato e un nuovo a fare peso è l’IVA del 4 o 10%, e gli allacciamenti e accatastamenti in più su una casa di nuova costruzione. Nonostante le spese quasi doppie, l’investimento migliore resta sull’acquisto del nuovo!

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.