Resta grave Pasquale Carlino, giovane promessa dell'Inter
Resta grave Pasquale Carlino, giovane promessa dell’Inter
Cronaca

Resta grave Pasquale Carlino, giovane promessa dell’Inter

Pasquale Carlino
Pasquale Carlino

Dopo il terribile incidente in moto, il 16enne promessa del calcio e attaccante delle giovanili dell'Inter versa ancora in condizioni critiche

E’ rimasto vittima di un incidente in moto nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 luglio 2018. Ora Pasquale Carlino lotta tra la vita e la morte all’ospedale Umberto I di Nocera. L’amico con cui era in moto è al Cardarelli, ma fortunatamente non sarebbe in pericolo di vita. Il drammatico incidente è avvenuto a Santa Maria la Carità, in Campania. Le dinamiche sono ancora da chiarire. Stando a una prima ricostruzione degli agenti, la giovane promessa dell’Inter sarebbe sbandata con la moto su cui viaggiava insieme all’amico. Il mezzo si sarebbe schiantato poi su una vettura e ha riportare le ferite più gravi è stato proprio Pasquale. Non solo l’Inter: a sostenere Pasquale è sceso in campo anche Milan e Napoli, che danno forza al giovane interista nella speranza che si rimetta presto.

Le condizioni di Pasquale Carlino

E’ ancora in condizioni gravissime Pasquale Carlino, astro nascente del calcio italiano e giovane promessa del Biscione. Il sedicenne era appena tornato in vacanza nella sua Campania.

Dopo il terribile incidente in moto, è stato immediatamente ricoverato presso l’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore.

L’amico, invece, è stato ricoverato all’ospedale Cardarelli di Napoli, ma non è in pericolo di vita. Tuttavia, l’amico 18enne è stato denunciato in quanto non era in possesso della patente necessaria per guidare il tipo di motocicletta su cui i due viaggiavano. Il giovane non avrebbe potuto portare con sé nessun altro passeggero. Gli agenti stanno ancora svolgendo i dovuti accertamenti. Al momento le autorità hanno spiegato che la moto su cui viaggiava il trequartista dell’Inter avrebbe sbandato. Così sarebbe andata a schiantarsi contro un automobile parcheggiata nei dintorni.

Il giovane calciatore ha riportato un trauma cranico e un’emorragia cerebrale: continua a lottare tra la vita e la morte.

Il sostegno di compagni e avversari

Dopo i tweet di Inter e Milan, è arrivato anche l’in bocca al lupo da parte della Società Sportiva Calcio Napoli. Sul proprio profilo Twitter ha scritto: “Pasquale Carlino, anche noi siamo con te: forza ragazzo!“.

Oltre al commento, è stato menzionato il profilo della società nerazzurra di cui il sedicenne è una giovane promessa.

Pasquale Carlino

La vicinanza degli amanti del calcio si è fatta subito sentire, a partire dalla squadra che lo ha scoperto e cresciuto. “Forza Pasquale, tutta l’Inter è con te”, hanno fatto sapere i neroazzurri. Grande sostegno anche da parte dell’eterna rivale: “Il nostro pensiero va a Pasquale Carlino, giovane centrocampista del Settore Giovanile dell’Inter: non mollare!“, incoraggia il Milan su Twitter. Inevitabilmente entrambi i tweet hanno avuto una risonanza di ampio raggio. In poco tempo si contano 3 mila like e 804 retweet per il post dell’Inter. Sono 1600 “mi piace” e 341 i retweet per la società rossonera.

Su Facebook sono numerosissimi i commenti di incoraggiamento pubblicati da amici, parenti, sostenitori, tifosi, gente comune. Sul profilo di Pasquale in molti hanno voluto esprimere il proprio sostegno al ragazzo. “La vita è strana. A volte si affrontano partite più difficili di altre! A volte ci si trova sotto 2-0, a volte ci si ritrova in inferiorità numerica.

Ma nel calcio si sa nulla è impossibile, così come nella vita! Lotta ragazzo fino al 90esimo. Faccio il tifo per te”, incoraggia un utente.

“Non ti conosco ma sono qui per dirti di lottare più che puoi”, scrive un’iscritta sotto l’immagine di copertina del ragazzo. “Tu hai già vinto ora vinci la battaglia più importante che siamo tutti ad aspettarti”, scrivono ancora i conoscenti del sedicenne napoletano.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche