Ricercatori bolognesi ritrovano un dinosauro | Notizie.it
Ricercatori bolognesi ritrovano un dinosauro
Cronaca

Ricercatori bolognesi ritrovano un dinosauro


Il bacino e alcune vertebre dell’imponente dinosauro appena scoperto in Tunisia arriveranno a Bologna durante la prima settimana di aprile per essere studiati dai ricercatori dell’Alma Mater che l’hanno ritrovato. «Per farsi un’idea delle dimensioni, basti pensare che queste ossa fossili, da sole, pesano attorno ai cinque quintali», dice Federico Fanti, ricercatore 29enne dell’Ateneo di Bologna, presente al momento della scoperta.

Secondo Fanti, si tratta del primo dinosauro completo e il primo grande erbivoro (15 metri di lunghezza) trovato in quella regione. «Ci aiuterà a capire meglio- continua il ricercatore- l’evoluzione dell’Africa settentrionale e delle sue faune di grandi vertebrati e di confrontarle non solo con gli equivalenti europei ma anche con i fossili rinvenuti in Brasile».

La scoperta, è frutto del lavoro di un team di ricerca del Dipartimento di Scienze della terra dell’Università di Bologna nell’ambito di una collaborazione con l’Ufficio nazionale delle miniere della Tunisia. Lo scheletro è in ottimo stato di conservazione e con gli elementi ossei ancora articolati.

È stato trovato, ad una profondità di appena 50 centimetri, dopo tre anni di ricerche, nella regione di Tataouine, nella Tunisia meridionale, dove depositi risalenti a circa 120 milioni di anni fa restituiscono preziose informazioni sulle faune che vivevano nel Nord Africa durante il periodo Cretaceo.

Durante la prima missione di scavo appena conclusa, è stato possibile mettere in sicurezza le ossa del bacino, lungo da solo oltre 150 centimetri di lunghezza, e diverse vertebre della coda, ognuna di 50 centimetri. Sulla base dei dati preliminari è possibile stimare le dimensioni di questo grande vertebrato in circa 15 metri di lunghezza.

Grazie al contributo di Eni Tunisia, è stato «messo in sicurezza» il fossile per un primo trasporto alla sede dell’Office national des mines a Tunisi, l’istituzione tunisina che si occupa del patrimonio geologico e minerario, da dove proseguirà il suo viaggio fino al Museo geologico «Giovanni Capellini» dell’Università di Bologna, dove i reperti saranno preparati e studiati.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche