×

Riduzione dei consumi negli elettrodomestici

Cercando continuamente la strada migliore per la riduzione dei consumi di energia, l’etichetta energetica è obbligatoria per gli apparecchi di diffusione elevata, a cui si deve il maggior consumo quotidiano di energia elettrica. Sul totale dei consumi europei, quelli domestici rappresentano il 30 per cento e quelli relativi agli elettrodomestici il 15 per cento. L’energy label, aiuta i consumatori nella scelta dell’elettrodomestico al momento dell’acquisto, favorisce lo sviluppo tecnologico dei prodotti che garantiscono consumi contenuti e sono meno inquinanti. E i progressi già compiuti sono stati notevoli. I dati raccolti stabiliscono che in dieci anni il consumo di acqua per il ciclo di lavaggio di una lavatrice è passato da 110 a 50 litri, scendendo fino a 40 litri nei modelli più evoluti, mentre il consumo di energia è passato da 2.0 kWh a 0.94 kWh. Allo stesso modo, per le lavastoviglie, si è passati da una media di 45 litri di acqua per lavaggio a 25 litri, con punte minime di addirittura 10 litri, mentre il consumo di detersivo è sceso da 40 a 20 grammi. E il progresso non si è avuto solo sotto il profilo dei consumi.

Basti pensare che attualmente le lavastoviglie sono 70 volte più silenziose rispetto a quelle prodotte 30 anni fa.

Lorenzo Fantacuzzi

Leggi anche