> > Riforma del fisco: cosa cambierà per Irpef e Flat Tax

Riforma del fisco: cosa cambierà per Irpef e Flat Tax

riforma-del-fisco-cosa-cambiera-per-irpef-e-flat-tax

Riforma del fisco: cosa cambiAl via la riforma del fisco per il 2023. Ecco cosa cambierà per Irpef e Flat Tax

Al via la riforma del fisco per il 2023.

Ecco cosa cambierà per Irpef e Flat Tax, e chi ne risulterà più avvantaggiato nella dichiarazione dei redditi.

Riforma del fisco: cosa cambierà per Irpef e Flat Tax

Si valuta di semplificare il calendario degli adempimenti e del meccansimo dei versamenti, e di migliorare il modo di procedere con gli accertamenti, le riscossioni e i contenziosi tributari.

Questo è quanto riferito dal viceministro all’Economia (con delega al fisco) Maurizio Leo per il Corriere della Sera.

Per IRPEF e Flat tax si prevedono infatti una semplificazione delle aliquote, con l’introduzione del quoziente familiare, e l’eventuale estensione dell’aliquota unica a tutti i casi, anche per dipendenti e pensionati.

Riforma del fisco, bozza di testo pronta entro marzo

La prima bozza di testo della Riforma del Fisco dovrebbe arrivare tra la fine di febbraio e marzo, e seguira quattro parti:

  • l’armonizzazione della riforma con i principi internazionali, quelli della Ue e lo Statuto dei contribuenti;
  • la revisione delle imposte,
  • la citata semplificazione del calendario degli adempimenti
  • la stesura del nuovo Codice tributario.

L’introduzione del quoziente familiare nella riforma del Fisco

Grande attenzione nella riforma del Fisco sarà riservata alla revisione dell’Irpef.

Il governo Meloni vuole puntare alla riduzione delle aliquote IRPEF, da quattro a tre, lasciando quindi le aliquote 23%, 27% e 43%.

A questa riduzione si aggiunge anche l’introduzione del quoziente familiare, “un sistema per tassare i cittadini tenendo conto del carico familiare e quindi dei figli“, come aveva spiegato al Corriere mesi fa Alessandro Santoro, docente di Scienza delle Finanze all’università Bicocca di Milano.

Sempre secondo Santoro, il quoziente però potrebbe convenire a chi ha redditi alti, e meno alle donne lavoratrici e senza figli/mariti.