×

Rimini, sorelle rifiutano trasfusione per il padre 90enne perché il donatore è vaccinato

Due sorelle hanno rifiutato la trasfusione per il padre di 90 anni, perché il donatore era vaccinato contro il Covid. Il fatto è avvenuto a Rimini.

Trasfusione

Due sorelle hanno rifiutato la trasfusione per il padre di 90 anni, perché il donatore era vaccinato contro il Covid. Il fatto è avvenuto a Rimini, presso l’ospedale Infermi. Una decisione che sta facendo discutere. 

Sorelle rifiutano trasfusione per il padre perché il donatore è vaccinato

Due sorelle hanno rifiutato una trasfusione per il padre di 90 anni perché il donatore del sangue era stato vaccinato contro il Covid. Hanno spiegato che “gli strasmetterebbe anche l’Rna“. Il fatto, raccontato da La Repubblica, è accaduto all’ospedale Infermi di Rimini. In realtà non avrebbero neppure potuto avere queste informazioni, in quanto si tratta di donazioni anonime. Dopo una forte discussione, le due hanno deciso di non accettare la trasfusione, lasciando i medici senza parole. 

Sorelle rifiutano trasfusione per il padre: “Un caso abbastanza estremo”

Il dottore aveva valutato la necessità di una trasfusione in base alle condizioni dell’anziano. Le figlie hanno rifiutato, temevano che il sangue trasfuso potesse procurare un danno. Che oltre agli anticorpi venisse trasferito l’Rna. Forse anche da parte nostra occorre migliorare il livello della comunicazione. Spiace molto che la percezione degli utenti sia diversa dall’obiettivo che vogliamo raggiungere” ha spiegato Rino Biguzzi, 62 anni, medico e cooridnatore del comitato Programma “sangue plasma” dell’Ausl Romagna.

Francamente, è un caso abbastanza estremo. Il percorso della donazione di sangue è sorvegliato a livello locale e nazionale. Ed è sicuro” ha aggiunto. 

Sorelle rifiutano trasfusione per il padre: il pericolo

In realtà non c’è nessun pericolo in una trasfusione con un donatore vaccinato. Questo è quello che hanno precisato i medici. Biguzzi ha sottolineato che “non c’è alcuna evidenza che con la trasfusione ci possa essere la diffusione del Sars-Cov-2.

Non si trasmette il virus attraverso una trasfusione. Ed anche per quanto riguarda l’Rna, il sangue subisce una lavorazione, una minima quantità di plasma è presente, ma questo aspetto riguarda decine di vaccinazioni. Non fa la differenza. In altre parole: con il sangue di un vaccinato, non sei un vaccinato“. 

Contents.media
Ultima ora