×

Rischio di pena di morte per i tifosi che faranno uso di cocaina in Qatar ai Mondiali 2022

Sanzioni durissime in arrivo per i tifosi pizzicati a far circolare droga ai Mondiali di Qatar 2022: ecco le possibili conseguenze per i sostenitori

Rischio di pena di morte per i tifosi che verranno beccati a sniffare cocaina in Qatar ai Mondiali 2

In vista dei Mondiali in Qatar rimbalza una notizia decisamente sorprendente. I tifosi dovranno fare molta attenzione, specialmente quelli inglesi, visto che rischieranno addirittura la pena di morte tutti coloro che saranno pizzicati a contrabbandare e fare utilizzo di cocaina.

Una decisione drastica che si spera possa limitare il circolo e l’utilizzo di stupefacenti.

Ridurre il rischio di incidenti

La notizia riportata dal The Sun ha ovviamenta scatenato le opinioni di tifosi e addetti ai lavori. La decisione sarebbe stata presa per ridurre al minimo il rischio di incidenti fuori dagli stadi, visto che proprio l’utilizzo di droghe in alcuni dei tifosi porta spesso a conseguenze terribili e inaspettate, dallo scatenarsi di risse fino ad omicidi, come abbiamo visto in tante occasioni purtroppo.

Il precedente a Euro 2000

L’utilizzo di droghe negli stadio non è una novità. Sempre la stampa inglese ha riportato la testimonianza di un tifoso presente a una gara degli Europei di calcio del 2000: “La gente assumeva cocaina davanti a noi e fumava droghe dietro di noi. I miei figli hanno pianto per la maggior parte della partita, spaventati dagli eventi che ci circondavano”.

Mondiali 2022 senza droga, parla il capo della polizia

Intervistato da Daily Star il capo della polizia Mark Roberts ha spiegato che le sanzioni per chi sarà colto in fragrante saranno durissime: “Qualsiasi fan che si comporta in modo anomalo potrebbe anche essere soggetto a un ordine di divieto di calcio al loro ritorno nel Regno Unito, oltre ad essere arrestato e potenzialmente accusato di reati commessi in Qatar“. Allerta massima dunque in vista dei Mondiali del prossimo inverno.

Contents.media
Ultima ora