Risparmio famiglie italiane diminuisce in Gennaio - Notizie.it
Risparmio famiglie italiane diminuisce in Gennaio
Mutui e Prestiti

Risparmio famiglie italiane diminuisce in Gennaio

Secondo uno studio pubblicato oggi dall’Istat nel terzo trimestre del 2010, il risparmio delle famiglie italiane è in diminuizione complice il calo del potere d’acquisto. La propensione al risparmio delle famiglie (definita dal rapporto tra il risparmio lordo delle famiglie e il loro reddito disponibile è stata pari al 12,1%, in diminuzione dello 0,7% rispetto al trimestre precedente e dello 0,9% rispetto al terzo trimestre del 2009. La flessione del tasso di risparmio è il risultato di una stasi del reddito disponibile, cui si accompagna una dinamica positiva della spesa per consumi. Il reddito disponibile delle famiglie nel terzo trimestre 2010 non si è modificato rispetto al trimestre precedente, mentre la spesa delle famiglie per consumi finali ha segnato un aumento dello 0,8%. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato dell’1,4%, a fronte di un incremento del 2,4% della spesa delle famiglie per consumi finali.

Il potere di acquisto delle famiglie (cioè il reddito disponibile delle famiglie in termini reali) è diminuito dello 0,5% sia rispetto al trimestre precedente che al corrispondente trimestre del 2009. Notevole che nel complesso, da gennaio a settembre 2010 le famiglie hanno subito una riduzione del loro potere d’acquisto dell’1,2% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente; nei primi nove mesi del 2009 la perdita di potere d’acquisto era stata molto più incisiva e pari al -3,2%.
Il tasso di investimento delle famiglie (definito dal rapporto tra gli investimenti fissi lordi, che comprendono gli acquisti di abitazioni e gli investimenti strumentali delle piccole imprese classificate nel settore, e il reddito disponibile lordo) nel terzo trimestre 2010 si è attestato all’8,8%, superiore di appena 0,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,3% rispetto al terzo trimestre dell’anno precedente. Gl’investimenti delle famiglie sono, infatti, aumentati solo dello 0,6% rispetto al trimestre precedente, mentre hanno mostrato una dinamica più vivace in termini tendenziali +4,7%. Al contrario nel terzo trimestre 2010 la quota di profitto delle società non finanziarie (data dal rapporto tra il risultato lordo di gestione e il valore aggiunto lordo a prezzi base) si è attestata al 41,7%, con un aumento dello 0,4% rispetto al trimestre precedente: il risultato lordo di gestione ha registrato una crescita del 2,8%, superiore all’aumento dell’1,8% mostrato dal valore aggiunto.

In termini tendenziali il recupero del tasso di profitto è più marcato (+1,6%), per effetto di una dinamica del risultato lordo di gestione (+7,1%) decisamente più vivace di quella del valore aggiunto, aumentato del 3,0%. Gli investimenti fissi lordi delle società non finanziarie hanno, infatti, segnato una crescita in termini congiunturali in valori correnti pari al 2,1% , superiore alla variazione positiva registrata dal valore aggiunto. Particolarmente marcata risulta la ripresa dell’attività di investimento delle società non finanziarie: infatti, rispetto all’analogo trimestre dell’anno precedente gli investimenti fissi lordi sono aumentati del 9,8%

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Diadora Cyclette Diadora Atlas
149 €
315 € -53 %
Compra ora
Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora