×

Ristoratore tira la tenda per proteggere i clienti dalla pioggia: multa da 400 euro

Ristoratore tira la tenda per proteggere i clienti dalla pioggia: multa da 400 euro. "Ho dieci dipendenti e ho lavorato solo sei mesi su sedici"

Romualdo Rizzuti

Ristoratore tira la tenda per proteggere i clienti dalla pioggia: per lui scatta una multa da 400 euro assieme alla chiusura per un giorno. Scelta amara per il fiorentino Romualdo Rizzuti, titolare del ristorante pizzeria “Le follie di Romualdo”. Secondo una interpretazione un po’ drastica delle norme in vigore il ristoratore sarebbe stato colpevole di aver protetto dalla pioggia, con una tenda, i clienti seduti nella corte interna del suo locale.

Secondo il racconto reso da Rizzuti a La Nazione infatti la pedana all’esterno del suo locale, al momento della multa, ospitava soltanto sei ragazzi

Ristoratore tira la tenda per proteggere i clienti dalla pioggia: multa da 400 euro. Arriva la pioggia

Si tratta di un locale con 85 posti standard passati poi a 30 in ottemperanza alle misure anti-Covid. Sta di fatto che quei sei clienti avevano appena iniziato a mangiare l’antipasto quando è cominciato a piovere.

E di questi tempi, con le norme in vigore, la pioggia all’estero di un ristorante che solo all’esterno può lavorare è maledizione vera. Ecco il commento di Romualdo comunque:  “Mi dispiaceva mandarli via a metà cena”. 

Ristoratore tira la tenda per proteggere i clienti dalla pioggia: multa da 400 euro. La soluzione

E come ovviare a quella situazione paradossale? Romualdo ha offerto agli avventori un tavolo davanti alla porta finestra spalancata della sua veranda giardino.

E spiega: “Anche perché  io non avevo più posto in veranda, per via delle distanze di sicurezza non potevo certo aggiungere un tavolo”. La veranda in questione è riparata, dato che è coperta da una tenda. Eppure qualcuno ha a che ridire su quello spazio considerato troppo angusto e parte la segnalazione. 

Ristoratore tira la tenda per proteggere i clienti dalla pioggia: multa da 400 euro. La segnalazione

Neanche il tempo di capire dove fosse l’inghippo che Romualdo si è visto arrivare davanti al locale tre macchine delle forze dell’ordine. E la multa, anzi, le multe sono arrivate a traino: 400 euro e un giorno di chiusura al titolare della pizzeria più altre 6 sanzioni di pari importo a chi aveva accettato di sedersi al tavolo E Romualdo, che ha annunciato ricorso, ha anche dovuto subire il reset della cena per tutti gli altri clienti. “In sedici mesi ho potuto aprire solo per sei mesi. Ho dieci dipendenti e sto facendo di tutto per andare avanti. Con questa multa è come se avessi lavorato gratis”.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora