Ritorno al futuro: riuniti 33 anni dopo il primo film
Ritorno al futuro: riuniti 33 anni dopo il primo film
Cinema

Ritorno al futuro: riuniti 33 anni dopo il primo film

Ritorno al futuro
Ritorno al futuro, Christopher e Michael

Si riuniscono dopo trent'anni dal debutto i quattro attori principali di Ritorno al Futuro alla Fan Expo di Boston: novità in arrivo?

Una commovente reunion quella di quattro dei più importanti attori del film Ritorno al futuro, resa pubblica da un post su uno dei profili social di Christopher Lloyd, meglio conosciuto come Doc Brown, il bizzarro scienziato e compagno d’avventure di Marty McFly. Sembra incredibile infatti rivedere i protagonisti della grande pellicola ancora tutti insieme, come se il tempo non fosse mai passato.

I personaggi riuniti

Già rincontratisi nel 2015 proprio grazie all’evento riguardante il trentesimo anniversario di Ritorno al Futuro, Michael J Fox, Thomas Wilson, Christopher Lloyd e Lea Thompson si sono riuniti trentatré anni dopo l’uscita del film originale in occasione della Fan Expo di Boston. La loro apparizione è stata molto gradita ai fan, che in loro onore si sono presentati vestiti a tema: molti infatti indossavano un giacchetto da life preserver identico a quello di Marty, dettaglio che non è passato inosservato agli occhi di Michael J. Fox. L’attore ha infatti rivelato, spinto dai tanti sosia del suo personaggio presenti alla fiera, di aver sempre odiato quell’abbigliamento a causa del troppo caldo e del velcro che lo avrebbe reso ancora più scomodo.

Anche Lea Thompson si è lasciata andare a un commento stupito.”Sono impressionata dal fatto che tutti indossino questi giubbotti.Ci sono 100 gradi e tutti li tengono indosso” ha osservato l’attrice, piuttosto sorpresa.

Ritorno al futuro

L’ipotesi sul quarto film

In occasione della presenza del cast è stata anche discussa la possibilità di produzione di un quarto capitolo della saga, ormai famosa in tutto il mondo. Thomas Wilson è stato uno dei più incisivi ad esprimersi in merito: “Fondamentalmente, penso che l’America stia dicendo: Avanti, hanno distrutto ogni altra saga con dei brutti sequel, perché non questa? Dai, la guarderemo fino a che non farà schifo.” Anche l’interprete di Marty McFly è intervenuto, rivelando che l’idea sarebbe stata fuori dalla loro portata dato il ruolo del co-creatore del film Bob Gale, considerato un po’ come il “guardiano della saga”.

Il tuffo nel passato

L’attenzione del quartetto si è poi spostata su frammenti di vecchi ricordi, i quali hanno scatenato i sentimenti degli attori, che si sono lasciati andare: “La mia vita era come immersa nella nebbia.Quando il film è uscito, mi ha scioccato perché non avevo idea di cosa sarebbe diventato, e perché non avevo alcuna possibilità di conviverci.

È accaduto da un giorno all’altro” ha detto Michael J. Fox malinconicamente, ripensando al periodo in cui registrava Family Ties (arrivato in Italia col titolo di “Casa Keaton”) di giorno e Ritorno al Futuro di notte. Il tutto è stato coronato dalla dichiarazione finale di Lea Thompson, che ha fatto ricordare a tutti perché il grande classico ha riscosso così tanto successo, anche attraverso più generazioni : “Questo film è stato così potente da mostrare ai vostri figli l’idea che se fai la cosa giusta, se hai il coraggio, se ti difendi al momento giusto della tua vita, puoi cambiare non solo il tuo futuro, ma il futuro dei tuoi figli “.

Il finale della fiera viene poi immortalato dalla foto dei quattro colleghi, riportata su Instagram dal vecchio Christopher.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*