Rivoglio mia figlia: trovata morta dopo il post su Facebook
Rivoglio mia figlia: trovata morta dopo il post su Facebook
Esteri

Rivoglio mia figlia: trovata morta dopo il post su Facebook

mamma

Una mamma distrutta dal dolore per l'uccisione della figlia in un incidente stradale scrive un messaggio su Facebook e poi muore.

Una mamma di Dover non ha retto alla scomparsa della figlia 18enne. Casey infatti è morta in un incidente stradale. Dopo la tragedia, Natalie Hood su Facebook ha scritto: “Rivoglio solo la mia bambina indietro”. Il giorno dopo, la donna è stata trovata morta nella sua abitazione.

Mamma muore dal dolore

Dramma nel dramma a Dover, città costiera dell’Inghilterra. Sabato scorso una mamma ha scritto su Facebook: “Rivoglio solo la mia bambina indietro”. Poche ore prima, all’alba di venerdì, la figlia 18enne Casey è infatti morta a causa di un incidente stradale. Nello schianto era rimasta gravemente ferita anche una donna 25enne, deceduta poi in ospedale.

Natalie Hood non ha retto al dolore, nonostante il sostegno della famiglia e soprattutto della sorella gemella di Casey, Kellis. La donna infatti è stata trovata morta nella giornata di domenica. Le cause del decesso non sono ancora note. Non è chiaro se mamma Natalie abbia quindi avuto un malore oppure se si sia tolta la vita nella speranza di raggiungere al più presto la sua adorata figlia.

Sulla pagina Facebook di Kellis decine di utenti hanno espresso il proprio cordoglio per la doppia morte di madre e figlia.

“Rip Natalie vai a curare la tua bambina, Casey è in paradiso, guarda giù su di noi e prenditi cura di te. Ora siete due bellissimi angeli” si legge pr esempio tra i tanti commenti. E ancora: “Rip Natalie Hood ti voglio bene!!! Dobbiamo cercare di ricordare i bei momenti che abbiamo avuto con lei, ricordate quanto sia stata amorevole, quanto fosse divertente e naturale, e che mamma meravigliosa fosse”. Aperta anche una pagina di crowdfunding per cercare di coprire il costo dei funerali di Natalie e Casey.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche