Roberto Saviano legalizzare la cannabis per indebolire le mafie
Roberto Saviano legalizzare la cannabis per indebolire le mafie
News

Roberto Saviano legalizzare la cannabis per indebolire le mafie

Saviano

Lo scrittore Saviano ha manifestato il suo appoggio alla legalizzazione delle droghe leggere. In un video ha spiegato il motivo della sua decisione.

Roberto Saviano, scrittore resosi celebre con il libro Gomorra, ha dichiarato il suo appoggio alla legalizzazione della cannabis. Proprio oggi, lunedì 25 luglio, in Parlamento si discuterà il disegno di legge per la legalizzazione delle droghe leggere. Circa 200 onorevoli hanno presentato la proposta che terrà dibattito per molto tempo a livello mediatico. Essi sono di vari schieramenti politici, tra cui Pd, M5s e Lega Nord.

Roberto Saviano in un video ha spiegato agli utenti che gli oggetti del dibattito saranno il possesso di tali sostanze, la vendita regolamentata e il via libera alla coltivazione. Lo scrittore sottolinea come “legalizzare” non vuol dire “invitare al consumo” ma avviene l’opposto. Grazie al disegno di legge verrà regolamentato il consumo, sottraendo alle mafie e ai gruppi terroristici un guadagno di circa 10 miliardi di euro.

La cannabis, dice Saviano, fa male non quanto il tabacco o l’alcol e non porta alla morte. Paesi come Portogallo, Uruguay e Colorado hanno visto un drastico calo del consumo e introiti elevati da investire per la popolazione.

Secondo Saviano la legalizzazione della cannabis è uno dei pochi metodi che ha lo stato italiano per indebolire le organizzazioni criminose, potendo al contempo arricchirsi e aumentare i posti di lavoro. Il motto del disegno di legge è “non voglio drogarmi, odio il consumo. E per questo legalizzo”, sperando sia di buon auspicio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche