×

Ruby ter: difesa Berlusconi chiude a ottobre, pm chiede velocità 'non è un ristorante'

default featured image 3 1200x900 768x576

Milano, 29 giu. (Adnkronos) – Il processo milanese Ruby ter è alle battute finali, ma la sentenza arriverà solo nel tardo autunno. Oggi hanno preso la parola le prime difese, tra cui quella della senatrice Mariarosaria Rossi e degli imputati Simonetta Losi, Carlo Rossella e Alessandra Sorcinelli, che hanno chiesto l'assoluzione perché il fatto non sussiste; ora si tornerà in aula il 13 luglio con gli interventi dei legali di altre sette imputate di falsa testimonianza nel processo che vede protagonista Silvio Berlusconi.

Altra udienza il 20 luglio, l'ultima prima della pausa estiva.

Le due date di settembre (21 e 28) serviranno per concludere gli interventi che riguardano le ragazze che hanno partecipato alle cosiddette 'cene eleganti' di Arcore, nell'udienza del 28 settembre potrebbe prendere invece la parola Franco Coppi, uno dei difensori del leader di Forza Italia accusato di corruzione in atti giudiziari. Il 5 ottobre invece interverranno le difese di Ruby, Risso e Giuliante.

Infine nell'udienza del 19 ottobre sarà l'avvocato Federico Cecconi, difensore dell'ex premier, a chiudere le arringhe. Il calendario prevede altre date, fino a fine novembre, per un processo già durato anni.

E proprio sulla velocità e la disponibilità delle difese a 'scegliersi' la miglior data per intervenire, il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano non risparmia una stoccata. "I difensori sembrano quasi stupiti di doversi preparare per l’arringa, sembra di stare al ristorante che si chiede la disponibilità: con tutto il rispetto o si ha un processo con detenuti o ci si adatta alle esigenze del tribunale" ricordando che si tratta di un procedimento "con delle prescrizioni alla gola".

Il presidente del tribunale, il giudice Marco Tremolada ha ricordato che l'udienza di oggi – conclusa all'ora di pranzo – "anticipa il termine di un mese e mezzo concesso al pm per preparare la requisitoria" (la prima udienza per la discussione delle difese sarebbe stata altrimenti quella del 5 luglio) ma accoglie l'invito a "riempire" le udienze per non perdere tempo.

Contents.media
Ultima ora