> > Russia, i manifestanti scendono nelle piazze di 37 città: oltre 800 gli arresti

Russia, i manifestanti scendono nelle piazze di 37 città: oltre 800 gli arresti

Russia proteste

Domenica di tensione in 37 città russe dove sono scese nelle piazze migliaia di persone. Sarebbero oltre 800 gli arresti.

Ancora un’altra giornata di tensione sulle strade russe.

In questa domenica 13 marzo, migliaia cittadini hanno manifestato in 37 città per protestare contro la guerra in Ucraina. Stando a quanto informa il sito OVD-info sarebbero 817 i manifestanti che sarebbero stati arrestati dalle autorità. Si tratta di un numero importante che porta ad un totale di circa 14mila arresti da quando il Cremlino ha aggredito militarmente Kiev.

Russia, si protesta in 37 città

Stando a quanto si apprende da Avtovaz Live tra le oltre 800 persone vi sarebbero anche 9 giornalisti che la Polizia avrebbe fermato a San Pietroburgo. Dai numerosi video e le testimonianze che si sono diffuse in rete emerge come la Polizia russa abbia interrotto con la forza le proteste di decine e decine di manifestanti. AFP ha informato che una donna è stata portata via da due agenti solo per aver gridato “Pace al mondo”.

Un altro manifestante a San Pietroburgo – ha fatto sapere sempre AFP – è stato trascinato per terra.

L’appello di Navalny: “Vi esorto a manifestare”

Nel frattempo la portavoce di Alexei Navalny Kyra Yarmish ha lanciato un appello su Twitter chiedendo ai cittadini che si scenda in piazza per manifestare. “Esorto tutti ad andare alla manifestazione quest’oggi“. Ha poi aggiunto: “Venti anni di distruzione delle elezioni, dei tribunali, della stampa, dell’economia e della coltivazione di folli disegni imperiali: ecco cosa ha portato a questo.

Dobbiamo porvi fine”.