> > Russia, il ministero degli Esteri: “Di Maio addossa a noi la crisi del gove...

Russia, il ministero degli Esteri: “Di Maio addossa a noi la crisi del governo in Italia”

Maria Zakharova

La dura reprimenda della Russia dopo le affermazioni della Farnesina, il ministero degli Esteri: “Di Maio addossa a noi la crisi del governo in Italia”

La Russia dice che l’Italia “ha fatto tutto da sola” nell’entrare nel pantano della crisi e sulla stessa arrivano le puntualizzazioni del ministero degli Esteri: “Di Maio addossa a noi la crisi del governo in Italia”. La portavoce del ministro Dmitri Lavrov, Maria Zakharova, puntualizza che Mosca non interferisce affatto con Roma e citata dalla Ria Novosti, ribadisce che Mosca segue il principio di non ingerenza negli affari degli altri Stati sovrani. 

Il ministero degli Esteri della Russia contro Di Maio 

Ha detto la Zakharva citando il nostro titolare della Farnesina: “Luigi Di Maio continua a cercare cause esterne dei problemi politici interni del suo Paese, non c’è nulla di nuovo”. Secondo Di Maio infatti il Cremlino ha brindato alla notizia delle dimissioni di Mario Draghi. Zakharova ha ironizzato: “Noi stessi siamo sbalorditi dal potere della diplomazia russa come risulta dai resoconti dei media italiani. Si scopre che i nostri ambasciatori possono cambiare i governi con un paio di chiamate”. 

“Cause esterne a problemi del tutto interni”

E ancora: “Scherzi a parte, dobbiamo ammettere che il capo della diplomazia italiana continua a cercare cause esterne ai problemi interni dell’Italia. Non c’è nulla di nuovo in questo. Più volte i rappresentanti di altri Paesi occidentali hanno cercato di utilizzare trucchi simili, quando non c’era nessuno a cui addossare la colpa dei propri fallimenti in un contesto di crescente malcontento della popolazione. Questo, in particolare, è esattamente ciò che sta accadendo oggi nei mercati dell’energia e dei prodotti alimentari“. La chiosa di Zakharova è stata per i politici europei, invitati a “cercare le cause delle loro crisi interne nei propri errori, non all’esterno”.