×

Russia, lapide a forma di iPhone in memoria della figlia

A volerla i genitori della ragazza, scomparsa a soli 25 anni, dopo una lunga malattia. Lo shock della comunità.

default featured image 3 1200x900 768x576

Chi avrebbe mai immaginato, nella Russia di appena 50 anni fa, che uno dei maggiori simboli del capitalismo americano potesse mai ergersi come una imponente statua tra le lapidi di un cimitero? È quello che è successo ad Ufa, capitale della Repubblica di Baschiria, dove ha fatto recente apparizione un’installazione di indubbio gusto estetico: una lapide gigante e a forma di iPhone.

Malgrado le buone intenzioni dei suoi ideatori, i genitori di una ragazza venuta a mancare a soli 25 anni, si tratta di un raro esempio di cattivo gusto che ha, prevedibilmente, scatenato polemiche e ilarità da parte di tutta la comunità.

Rita Shameeva

Lapide a forma di iPhone

La ragazza, Rita Shameeva, è scomparsa nel 2016 ma è solo a due anni di distanza dalla sua morte che è arrivata la vera commemorazione. Come riporta Life.ru, a volere fortemente la targa commemorativa sarebbe stato il padre della giovane. Questo proprio per omaggiare la figlia che lavorava per Apple Russia. Sulla lapide è stato anche installato un codice Qr che riporta a una pagina web dedicata alla 25enne scomparsa dopo una lunga malattia.

La lapide, alta oltre 1 metro e mezzo e realizzata interamente in pietra basaltica, riproduce fedelmente la struttura di un iPhone 6, con tanto di tasti laterali e fotocamera posteriore. Come screesaver c’è la foto di Rita. Lodevole l’intenzione della famiglia che ha subito una grave ed incolmabile perdita. Non dello stesso parere i cittadini di Ufa che con la terribile installazione dovranno convivere: “Pensavo di avere delle allucinazioni. Come può uno smartphone americano apparire all’improvviso nel nostro cimitero? E così enorme. Sono rimasto sorpreso. Ho visto molte lapidi, ma a essere onesto non avevo mai visto nulla di simile”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora