×

S. Giorgio a Cremano, polemiche e sospetti sul concorso per informatico. La parentopoli colpisce ancora?

San Giorgio a Cremano (Na) – Sui concorsi pubblici c’è sempre il pregiudizio che tot posti siano già assegnati, che passino solo i raccomandati, che si tratti di una farsa. C’è gente che per tali motivi dopo aver partecipato a 5, 6 concorsi, neanche ci prova più. Non esiste concorso pubblico che non sia accompagnato da accese polemiche, specialmente da parte di chi quel concorso non l’ha vinto. É successo anche per il concorso di preselezione per l’assunzione a tempo indeterminato di un di istruttore informatico al Comune di S. Giorgio a Cremano (Na). A tale preselezione, che verteva su test attitudinali, volta ad individuare 10 persone che avrebbero potuto poi accedere alla selezione definitiva, hanno partecipato un centinaio di persone.

Una volta resi i noti i nomi dei pre-selezionati (clicca qui), onestamente, seppur senza voler accusare nessuno, avere un minimo sospetto è lecito, infatti, tra i 10 fortunati figurano anche tale Francesco Sarno (clicca qui), fratello del presidente del consiglio comunale, e di Fortuna Criscuolo (clicca qui), consigliere di maggioranza. Per carità, saranno stati anche meritevoli di passare la prima fase della selezione ma pensar male, in questi tempi di parentopoli, viene quasi naturale. Francesco Sarno si è classificato addirittura primo, quarta invece Fortuna Criscuolo. Il PDL insorge, s’indigna e certamente questa polemica andrà avanti ancora per molto.

2
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
1 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
2 Commentatori
più recenti più vecchi
Mirko30

Mirko30 7 aprile 2011 alle 08:52 Io ho partecipato al concorso in questione…..dico solo che le domande erano 30 e le prove possibili erano 3(a-b-c); quindi sarebbe bastato imparare 90 risposte e passare con punteggi alti (il primo ha risposto esattamente a 28 domande su 30). Inoltre altra irregolarità è stata che le prove erano già prestampate in scatole di cartone sigillato. Infatti con le attuali tecnologie sarebbe bastato estrarre a sorte da una banca dati quelle da usare alla preselezione e poi fare le copie nel corso della stessa prova. Ciò avrebbe garantito di più tutti i candidati. Inoltre… Leggi il resto »

Leggi anche