×

Salone del libro 2010: 50 euro di buono

Condividi su Facebook

Il Salone del Libro “rappresenta il giusto equilibrio tra la ricetta global e quella local”. Lo ha detto il presidente della regione Piemonte, Roberto Cota, intervenuto questa mattina all’inaugurazione dell’edizione 2010 del salone internazionale del libro di Torino assieme al ministro Maurizio Sacconi. Cota, che ha ribadito che “la regione non farà mancare il proprio apporto a questa iniziativa” ha sottolineato che “è significativo l’argomento dell’edizione di quest’anno, la memoria, che è l’anima di ogni popolo”.

A questo proposito il governatore del Piemonte ha ribadito che “la difesa dell’identità non è una battaglia di retroguardia, ma è anzi una grande sfida per il futuro, a cominciare dalle giovani generazioni. Io vedo nella costruzione dello stato moderno, le riforme attualmente in discussione, come il federalismo e il federalismo fiscale, una grande opportunità per il futuro.

Ed il Piemonte, grazie al nostro statuto può essere la prima regione ad attuare il federalismo fiscale”.

Cota ha anche parlato del buono da 50 euro da spendere in libri per tutti i giovani piemontesi che compiono 16 anni. La proposta lanciata nel corso della campagna elettorale è stata confermata sotto i padiglioni del Lingotto.

“Voglio lanciare da qui l’iniziativa della creazione di un bonus, che distribuiremo, a partire dal prossimo anno, a tutti i ragazzi piemontesi che compiono 16 anni. Un buono – ha spiegato il presidente Cota – da spendere nell’acquisto di libri. Il nostro auspicio – ha concluso – è che si tratti anche di un’occasione per valorizzare le case editrici presenti sul nostro territorio’.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche