Torino, tetraplegico recupera le mani grazie ad intervento innovativo
Salute & Benessere

Torino, tetraplegico recupera le mani grazie ad intervento innovativo

torino tetraplegico mani

A Torino, un'equipe di specialisti restituisce l'uso delle mani ad un tetraplegico grazie ad un intervento innovativo, mai eseguito prima in Italia.

Un tetraplegico di 52 anni recupererà la funzione delle mani grazie ad un innovativo intervento in un ospedale di Torino. L’uomo, che aveva perso la funzione degli arti in seguito ad un’incidente stradale, ha subito un intervento di circa tre ore. Nessuna complicanza, era la prima volta in Italia che ci si cimentava in una procedura del genere.

Innovazione a disposizione del futuro

Era diventato tetraplegico a seguito di un incidente d’auto: l’uomo, un 52enne pasticcere, era da tempo costretto in sedie a rotelle senza l’uso delle mani. Nel devastante schianto aveva riportato una lesione midollare completa a livello cervicale che, oltre al deficit completo degli arti inferiori, gli ha provocato l’impossibilità di usare le mani. Afferrare oggetti, cura personale: nessuna delle normali attività quotidiane era per lui possibile. Ma grazie ad un intervento chirurgico all’avanguardia sugli arti superiori a cui si è sottoposto, ora l’uomo potrà recuperare la funzione delle mani e tornare a occuparsi di se stesso.

L’intervento del Cto di Torino

La storia, dal sapore particolarmente dolce, è stata possibile grazie all’intervento di un’equipe di specialisti del Cto della Città della Salute di Torino, che per la prima volta in Italia si è cimentata in questa nuova procedura.

Come spiegato dal Centro, la metodica, eseguita in pochi centri al mondo, bypassa la lesione del midollo spinale ricollegando, come fili elettrici, i nervi sani a quelli non più funzionanti. La chirurgia tradizionale utilizza trasferimenti di tendini, che permette solo un parziale recupero della funzione motoria: questa nuova tecnica permette un recupero maggiore e più fisiologico della funzione motoria e sensitiva. L’intervento sul paziente, durato circa tre ore e mezza, è stato eseguito dai dottori Bruno Battiston, Diego Garbossa, Paolo Titolo e Andrea Lavorato: nessuna complicanza, ora all’uomo attende una lunga fase di riabilitazione attraverso trattamenti fisioterapici.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavinia Nocelli
Lavinia Nocelli, classe '94, marchigianamente di Senigallia. Arrivata per la prima volta a Milano nel 2013, ho studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera. La mia tesi mi ha portato in Albania, dove ho realizzato un docufilm sulle nuove mete d'emigrazione Italiana, documentando la situazione a Tirana, la capitale. Nel mentre un docufilm in veste di aiuto registra con Francesca La Mantia, "La memoria che resta". Poi il fotoreportage nella "jungle" di Calais, Francia, il campo profughi da cui oltre 10000 rifugiati cercavano di passare i confini per arrivare nel Regno Unito. E i due anni a Parigi, all'Ecole Supérieur de Journalisme, dove ho seguito da vicino le manifestazioni dei Gilet Gialli. Fotogiornalista per Waamoz, scrivo tra Roma e Milano, dove collaboro con Notizie.it. Leggo per passione, scrivo per dovere: scambiate le frasi e aggiungete negativi in bianco e nero. E tanti chilometri in mezzo, percorsi e immaginati.