×

Australia, la richiesta di soldi per allungare il pene

"Non potrò mai permettermi questo intervento da solo, con il tuo aiuto posso finalmente realizzare i miei sogni".

Il web è un posto fantastico. Dall’Australia arriva la storia di un uomo, identificatosi come Joe del Queensland che cerca fondi su Gofundme per allungare il suo organo sessuale.

Fondi per allungare il pene

Gofundme è una piattaforma attraverso la quale si possono richiedere finanziamenti sul web. È considerato il sito numero uno al mondo. E proprio su questa pagina Joe, ha deciso di chiedere aiuto. L’uomo stanco degli eccessivi rimproveri della moglie ha chiesto dei soldi per poter allungare il suo pene. La richiesta è formulata in questo modo: “Con il tuo aiuto posso non avere altri bambini e soddisfare mia moglie. Io e mia moglie abbiamo avuto il nostro primo figlio più di un anno fa e, per quanto la nostra bambina sia piccola, vorrei che fosse l’ultima…

Possiamo a malapena permetterci un figlio, quindi per favore aiutatemi a essere sterile e a ridurre la popolazione”. L’annuncio prosegue con: “Non potrò mai permettermi questo intervento da solo, con il tuo aiuto posso finalmente realizzare i miei sogni”.

La richiesta dell’uomo è di circa 3mila euro, soldi però che non sono ancora arrivati nonostante la richiesta sia presente da più di nove mesi.

Falloplastica

L’intervento per allungare il proprio organo sessuale è definita falloplastica. Questa procedura chirurgica ha lo scopo di aumentare la lunghezza del pene. Durante la stessa sessione chirurgica è spesso eseguita anche una lipo-penoscultura di ingrossamento dell’organo. Vi possono essere associate altre tecniche come la vibro-liposcultura sovrapubica ovvero la plastica cutanea penoscrotale e l’ingrossamento non chirurgico del glande, il rinomato “filler”.

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in Scienze Sociali per la globalizzazione. Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Marco Bruto

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in Scienze Sociali per la globalizzazione. Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.

Leggi anche