×

Bonus tiroide 2019: chi ne ha diritto e come funziona

Il bonus tiroide 2019 permette di usufruire dell'esenzione ticket per coloro che ne sono affetti.

bonus tiroide 2019
bonus tiroide 2019

La tiroide è una patologia di cui sono in molti a soffrirne, ma quello che forse non tutti sanno e che ignorano è che esiste un bonus che permette di risparmiare e accedere in un altro modo ai trattamenti e alle terapie. Cerchiamo di capire meglio che cos’è il bonus tiroide 2919, come funziona e chi ne ha diritto.

Bonus tiroide 2019

Da molto tempo si sente parlare di questo bonus, ma pochissimi ne ignorano le modalità, come fare a richiederlo e chi ne ha diritto, oltre a tutta una serie di clausole che riguardano coloro che sono affetti da questa patologia. La tiroide è una ghiandola endocrina e chi è affetto da questa patologia, grazie al bonus, può usufruire di un assegno mensile del valore di 500 Euro.

Pochissimi sono a conoscenza del fatto che ci siano delle esenzioni specifiche legate a questa patologia e il bonus tiroide 2019 è un esempio in tal senso.

Il diritto all’invalidità è riconosciuto a tutti i soggetti che sono affetti da determinate patologie presenti in una tabella con una serie di percentuali legati alle malattie stesse. Chi è affetto da tiroide, può grazie a questo bonus ricevere l’invalidità.

Le soglie e le percentuali legate all’invalidità sono le seguenti:

  • 33%, la soglia minima per cui si può chiedere aiuto per protesi e presidi medici;
  • 45% permette di essere iscritto nelle liste di lavoro delle categorie protette;
  • 50%, congedi per cure mediche;
  • 66% esenzione da pagamento ticket sanitario per una visita o anche esami;
  • 74% si ha diritto a un assegno mensile che varia in base al reddito del soggetto invalido e ammonta a circa 55o Euro mensili;
  • 100% dà diritto all’indennità di accompagnamento nel caso in cui il soggetto non riesca a compiere le normali attività quotidiane.

Bonus tiroide, chi ne ha diritto

Per il bonus tiroide, ci sono delle soglie percentuali che variano a seconda della gravità della patologia.

Possono richiedere il bonus tiroide 2019 coloro che sono affetti dalle seguenti patologie riguardanti questa ghiandola endocrina:

  • 100% per ipotiroidismo grave con ritardo mentale, quindi con deficit che vanno a influire sulla persona e la sua capacità d’intendere e di volere;
  • 50%-80% per iperparatiroidismo;
  • 91%-100% ipoparatiroidismo.

In questo caso sarà compito di uno specialista del settore valutare con attenzione ogni soggetto in modo da verificare la gravità della patologia di cui è affetto. Chi non è affetto dalle patologie citate poc’anzi, non ha diritto di richiedere il bonus tiroide 2019, ma può fare richiesta per l’esenzione del ticket dai vari esami a cui si deve sottoporre.

Come richiederla

Per avere il bonus tiroide 2019 e per richiederlo, bisogna fare domanda presso l’ASL del vostro paese o città di riferimento, con la certificazione delle patologie legate alla tiroide e lo stato di gravità, oltre alle varie terapie che seguite.

La certificazione di cui avete bisogno è rilasciata da un esperto o specialista del settore. L’ASL rilascia poi un documento in base al codice a seconda del tipo di patologia.

Tiroide: migliori prodotti

Per trattare questa patologia, ci sono una serie di prodotti che potete trovare sul sito di Amazon con promozioni e offerte ottime. Cliccando sulla foto è possibile visualizzare l’intera gamma di articoli relativa. Ecco una breve descrizione di alcuni dei prodotti maggiormente raccomandati e consigliati anche dagli stessi utenti del sito per la loro efficacia e risultati.

1)La dieta della tiroide

Un libro di Serena Missori che tratta di questa patologia di cui soffrono più di 6 milioni d’italiani, soprattutto donne. Un libro che spiega i vari tipi di tiroide, le condizioni, i sintomi, le terapie da seguire, ma anche un metodo per capire qualcosa in più riguardo questa patologia e tutte le possibili complicazioni che ci possono essere. Analizza lo stile di vita e le cause in modo da capire come trattarla. Il più venduto in questa categoria.

2)Good state – iodio ionico liquido

Un prodotto in gocce che si assorbe in misura migliore e più rapida rispetto alle compresse. Ha un contenitore molto piccolo e potete portarlo con voi in modo da prendere le gocce in ogni momento. Uno iodio naturale di cui si consiglia di prendere soltanto 10 gocce. Molto facile da mescolare con il succo e l’acqua e può essere assunto sotto la lingua. Possono anche assumerlo coloro che seguono una dieta vegana e vegetariana in quanto è naturale.

3)Iodio da alga bruna gio Vegavero

Un integratore biologico composto da alga bruna. Contiene 184 capsule con indicazioni in italiano. Non ha additivi ed è adatto sia a vegani che vegetariani. Si consiglia di assumere una compressa al giorno. L’alga bruna contiene tantissimo iodio e anche tantissimi altri minerali, quali il selenio, lo zinco e il rame. Lo iodio è utile in quanto supporta il sistema nervoso, la funzione cognitiva e permette il mantenimento di una pelle normale. Aiuta anche a controllare il peso e, quindi, può essere utile in una dieta dimagrante. Il prodotto più venduto in questo settore.

IODIO da Alga Bruna BIO

Per chi non conoscesse i sintomi della tiroide, ecco un buon vademecum.

Amo leggere, il tè e Parigi è la mia casa da sempre e per sempre.


Contatti:

Contatti:
Simona Bernini

Amo leggere, il tè e Parigi è la mia casa da sempre e per sempre.

Leggi anche