×

Fumare protegge dal coronavirus? La risposta dell’OMS

Il fumo protegge dal coronavirus? Dopo l'iniziativa in Francia, con la realizzazione di tamponi alla nicotina, arriva la risposta dell'OMS.

fumo protegge coronavirus

Il fumo protegge dal coronavirus? La nicotina può diventare un’alleata? È questo quello che si sono chiesti alcuni ricercatori francesi nel realizzare dei test preventivi e terapeutici che saranno presto lanciati. A realizzare lo studio è un ospedale parigino di La Pitié Salpêtrière.

Questa ricerca potrebbe stravolgere le convinzioni scientifiche sostenute dalla maggior parte dei virologi secondo cui fumo e obesità sono i fattori che aumentano la letalità da coronavirus. I test, in terra transalpina, saranno effettuati con cerotti alla nicotina. Ad aver spinto gli studiosi ad approfondire questo studio è la correlazione ricoverati-fumatori abitudinari: in tutto il mondo, infatti, la percentuale è bassissima.

Fumo e coronavirus: c’è correlazione?

Per esempio, il dato francese secondo i ricercatori è il seguente: su 350 pazienti ricoverati per coronavirus, e 150 che hanno consultato il proprio medico, solo il 5% erano dei fumatori. Lo ha riferito all’Afp Zahir Amoura, professore di medicina interna e autore della ricerca in questione. Dopo il via libera definitivo ai test da parte del ministero della Salute francese, il team di Amoura applicherà tamponi alla nicotina con dosaggi diversi e con tre modalità diverse.

Potrà essere preventiva, per capire se possono funzionare per proteggere il personale medico-sanitario; terapeutica, su pazienti ricoverati per cercare di diminuire la sintomatologia e sui pazienti gravi in rianimazione. I ricercatori ipotizzano che il “recettore nicotinico dell’acetilcolina” abbia un ruolo centrale nel propagarsi del coronavirus e sia all’origine della varietà di sintomi di questo virus, tra cui la perdita dell’olfatto e disturbi neurologici.

La risposta dell’OMS

La ricerca degli studiosi francesi, però, va in direzione opposta rispetto a precedenti anamnesi e studi clinici che finora hanno indicato nel fumo un fattore di rischio aumentato di fronte al coronavirus, così come l’obesità. Negli Stati Uniti, per esempio, si è fatto riferimento diretto a questi due fattori per spiegare l’alta percentuale di afroamericani contagiati rispetto ai Wasp. L’Oms, infatti, rimane sulle proprie posizioni e indica il fumo come una casa diretta della contrazione del coronavirus.

Contents.media
Ultima ora