×

Smart working e mal di schiena: problemi in 7 lavoratori su 10

Condividi su Facebook

Fra i problemi che insorgono quando si lavora in smart working, ci sono anche mal di schiena e disagi a livello posturale.

Mal di schiena e smart working
Lo smart working provoca mal di schiena, problemi alla vista e posturali.

Lavorare da casa, in smart working, ha sicuramente i suoi benefici ma anche diversi contro: mal di schiena, problemi posturali in primis. Durante l’emergenza Coronavirus, le aziende e gli uffici che hanno potuto si sono convertite al lavoro da remoto, con dipendenti davanti al PC e magari seduti su supporti non adatti per diverse ore.

Smart working e mal di schiena

Secondo una ricerca della World Health Organization, pubblicata sul quotidiano britannico Daily Mail, il 72% dei lavoratori soffre di lombalgia, che si è però acutizzata durante la pratica dello smart working.

Utilizzare per lungo tempo dispositivi come PC e smartphone ha effetti anche sulla postura, in particolare la posizione del collo.

Questo tipo di disagio fisico viene chiamato “tech neck” e secondo un’indagine pubblicata dalla BBC, colpisce soprattutto i millennial ma ora tanti lavoratori ne sono affetti. Un capitolo a parte, quello della salute oculare. Per preservarla è necessario tenere lo schermo del pc all’altezza degli occhi, evitando inoltre fastidiosi riflessi su questo.

Conseguenze fisiche dello smart working

“L’emergenza sanitaria ha drasticamente cambiato lo stile di vita di milioni di italiani soprattutto in relazione allo smart working”, spiega la dott.ssa Angela Amodio, fisioterapista specializzata in neuroriabilitazione, “Rimanere seduti per ore in una posizione scorretta provoca un intorpidimento muscolare che può portare a patologie più acute come cervicalgia, crisi vagali, nausee e vertigini”.

A livello percentuale, fra chi pratica lo smart working si riscontra una maggioranza di soggetti con lombalgia (52%), seguito da chi soffre di crisi vagali accompagnate da senso di nausea, spossatezza e vertigini (24%), infine il 20% riporta cervicalgie con intorpidimento e formicolio al collo.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.