×

Coronavirus, una cura con l’acqua ossigenata? Lo studio napoletano

Condividi su Facebook

È di Napoli lo studio sull'efficacia dell'acqua ossigenata per la cura dell'infezione da coronavirus. I risultati sono promettenti.

La ricerca di Napoli sull'acqua ossigenata

Promette bene lo studio napoletano che vede nell’acqua ossigenata un alleato per la cura al coronavirus. È quanto emerge da una ricerca condotta da Armone Caruso, Direttore Sanitario dell’A.I.A.S. di Afragola, e Antonio Del Prete, docente di Oftalmologia presso l’Università “Federico II” di Napoli.

Questo ci fornisce lo spunto per una finestra terapeutica di intervento” ha dichiarato Caruso. La ricerca è stata condotta con un’equipe internazionale e pubblicata sulla rivista Infection Control & Hospitalization Epidemiology della Cambridge University.

Acqua ossigenata contro il coronavirus: lo studio

Stando alla ricerca presentata a Caruso e Del Prete, il perossido di idrogeno inciderebbe sulla progressione della malattia indotta dal Covid-19. Una volta nell’organismo, infatti, l’infezione procede in due fasi: nella prima, attacca le vie aree superiori. Solo in un secondo momento penetra nelle vie aree inferiori. La terapia con acqua ossigenata potrebbe essere efficace nel primo stadio di infezione, perché il perossido di idrogeno ha forti proprietà ossidanti.

La sua azione ridurrebbe, così, la progressione dell’infezione. Il trattamento con acqua ossigenata non avrebbe controindicazioni e sarebbe anche economico: la terapia consisterebbe in gargarismi con acqua ossigenata al 3% e nebulizzazione delle narici con acqua ossigenata diluita al 50%: le mucose, infatti, sono canale di veicolo dell’infezione.

Da Napoli un’altra cura al Covid-19

Nella città partenopea è stata avviata anche la cura sperimentale con il Tocilizumab.

Il farmaco anti-artrite sta dando risultati promettenti. Secondo l’oncologo Paolo Ascierto degli iniziali dieci pazienti trattati con il farmaco, ben cinque hanno registrato un miglioramento. Risultati promettenti per la ricerca di una terapia. Per questo, il gruppo di Napoli è stato contattato dagli Stati Uniti per una collaborazione.

A essere interessato al protocollo seguito a Napoli è Roswell Park Institute.

Lucano classe 1987, archeologo di formazione, ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, e collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Grieco

Lucano classe 1987, archeologo di formazione, ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, e collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.