×

Coronavirus, lo studio: “Il sole può ucciderlo in pochi minuti”

Condividi su Facebook

Uno studio rivela che il sole uccide il Coronavirus sulle superfici molto rapidamente: il 90% in meno di 7 minuti.

coronavirus studio vo euganeo

In base a quanto riportato da uno studio dell’Università di Oxford, il sole è in grado di uccidere il Coronavirus, disattivando in pochi minuti gli agenti patogeni presenti nelle goccioline di saliva e depositati sulle superfici. La ricerca “Simulated Sunlight Rapidly Inactivates SARS-CoV-2 on Surfaces” è stata pubblicata sul Journal of Infectious Diseases.

Il sole uccide il Coronavirus

La premessa dello studio recita: “Recenti studi hanno dimostrato che il virus del COVID-19 è stabile sulle superfici per lunghi periodi in ambienti interni”. I ricercatori hanno ricreato artificialmente luce e radiazione solarerappresentativa del solstizio d’estate a 40°N latitudine al livello del mare in una giornata limpida”.

In base ai risultati raccolti, gli studiosi affermano che la luce del sole sarebbe dunque in grado di uccidere il 90% dei virus contenuto nella saliva, in un tempo di 6,8 minuti. “Si è verificata anche una significativa inattivazione, sebbene a una velocità inferiore, a livelli di luce solare minori”, prosegue il testo dello studio che fornisce la prima prova in essere del fatto che il SARS-CoV-2 possa essere inattivato rapidamente sulle superfici (l’esperimento prende in considerazione unicamente il virus presente all’esterno del corpo umano).

Luce solare come avversario naturale?

La persistenza, e quindi il rischio di esposizione, possono variare significativamente tra ambienti interni ed esterni. Inoltre, questi dati indicano che la luce solare naturale può essere efficace come disinfettante per materiali non porosi contaminati”, concludono i ricercatori.

Attenzione, però, ai rimedi fai-da-te. Il sito del Ministero della Salute ricorda che “le lampade UV non devono essere utilizzate per sterilizzare le mani o altre aree della pelle poiché le radiazioni UV possono causare irritazione. Non ci sono evidenze scientifiche che gli essiccatori per mani ad aria calda siano in grado di uccidere il nuovo coronavirus. Per proteggersi dall’infezione il metodo più sicuro è quello di lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o con una soluzione a base di alcol.

Dopo aver pulito le mani bisogna asciugarle accuratamente”.

Fra le ipotesi avanzate finora, anche quella secondo cui il caldo può sconfiggere il Coronavirus è stata smentita da numerosi studi condotti in diversi Paesi del mondo.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.