×

Coronavirus, le mascherine non riducono l’ossigeno. La ricerca

Condividi su Facebook

Tom Lawton, dottore e atleta di Triathlon, correndo per 35 km, ha voluto dimostrare che l’uso di mascherine non ridurrebbe i livelli d’ossigeno.

mascherine non riducono consumo di ossigeno
mascherine non riducono consumo di ossigeno

Indossare una mascherina riduce veramente il consumo d’ossigeno? Questo è un quesito a cui ha voluto dar risposta Tom Lawton, dottore britannico, ma anche atleta di Triathlon. Spesso si ha la convinzione che indossare la mascherina per lungo tempo, riduca i livelli del consumo di ossigeno e ci faccia in questo modo respirare di meno.

Pensiamo al fatto che la mascherina è diventata con il Coronavirus, un obbligo che volenti o nolenti dovuto accettare. Ecco quindi che Lawton ha voluto sfatare un mito correndo per più di 35 chilometri, monitorando i suoi valori con un saturimetro.

Lawton: “Le mascherine non riducono l’ossigeno”

La ricerca di Tom Lawton, dottore britannico e anche atleta, nasce da un’esasperazione dello stesso Lawton che ha vissuto in prima persona.

Lawton infatti era stufo di sentire informazioni non corrette riguardanti il consumo di ossigeno con indosso la mascherina. Ha deciso quindi di correre nel tragitto andata e ritorno dal luogo di lavoro per 22 miglia ( i nostri 35 chilometri), con indosso una mascherina composta da 3 strati di cotone. Ha scelto tuttavia di non adoperare le mascherine chirurgiche del tipo FFP3 ed N95, in quanto ha dichiarato che: fuori dagli ospedali – la mia maschera protegge te e la tua protegge me”.

Le mascherine vanno usate correttamente

Da una parte l’esperimento di Lawton è servito a dimostrare che indossare le mascherine non ridurrebbe il consumo di ossigeno. Dall’altra parte è vero che andrebbe indossato in modo corretto. L’utilizzo di mascherine infatti potrebbe compromettere la salute della persona in caso il soggetto sia asmatico o ancora abbia altre patologie respiratorie.

Infine, qualche settimana fa, il direttore dello Spallanzani Francesco Vaia, ha espresso il suo favore all’indosso di mascherine anche in luoghi esterni, specie laddove non si possa rispettare al meglio la distanza di sicurezza di minimo un metro.

Classe 1989, laureata in Lingue per il turismo e il commercio internazionale, gestisce il blog musicale "432 hertz" e collabora con diversi magazine.


Contatti:
4 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
la sporca camp è una fanga minacciatrice
12 Agosto 2020 19:56

per strada capsaci dante testimone

cw855 minacciatore corrotto per strada
12 Agosto 2020 19:57

dante testimone

Ermanno
13 Agosto 2020 00:35

I verbali n 12 e n 39 del cts non li ha letti nessuno? Il n 12 stabilisce che le mascherine vanno indossate solo se si è malati o si assiste dei malati il n 39 sancisce che se le mascherine non sono ffp2 o ffp3 non sono ne dispositivi medici ne protezioni individuali. Cosa è cambiato ? Forse i magazzini pieni?

ciccio formaggio
14 Agosto 2020 20:11

ma che notizia è??? dottore britannico de che? e poi in base a che cosa afferma quello che urlate nel vostro titolo?? ma dai… che articolo del piffero!


Contatti:
Valentina Mericio

Classe 1989, laureata in Lingue per il turismo e il commercio internazionale, gestisce il blog musicale "432 hertz" e collabora con diversi magazine.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.